Pare proprio che lo stile vintage sia diventato un movimento d’interesse, che raccoglie diversi ambiti. Non fa eccezione il MotoAmerica, che dedica tre date del suo calendario 2020 al programma “Heritage Cup Vintage”. Road America, Laguna Seca e Indianapolis: se avete un modello a due ruote, datato - come minimo - 1986, può iscriversi al mini torneo voluto da Wayne Rainey, gran conoscitore di moto a due e quattro tempi risalenti all’epoca “semicarenata” dell’AMA Superbike, che ha lanciato il californiano e campioni come Freddie Spencer, Mike Baldwin. Wes Cooley e Eddie Lawson, cresciuti a manubri alti e larghi, tra derapate, sportellate e calci in curva.

Il movimento vintage non è da ritenersi una semplice moda. In Europa sono tanti i trofei pensati alle due ruote che contano anzianità esenti da bollo regionale, con affluenze interessanti e partecipazioni provenienti da ogni dove. Tra l’altro, il mercato di motociclette usate e particolari è in grande voga negli USA. Molti appassionati preferiscono modelli meno performanti di quelli attuali, sicuramente più economici e sfruttabili, in ogni condizione. L’idea di aprire una finestra al panorama classico/storico può attirare molte adesioni di ex professionisti ed amatori, incrementando lo spettacolo in pista.