Niente da fare. Il Covid-19 avanza spedito negli USA e, malgrado il tanto lavoro di recupero, lo staff MotoAmerica non è riuscito a spostare il round del VIRginia Raceways, programmato all'inizio di maggio.

Non avendo la certezza che la pandemia si arresti, non contando su misure di sicurezza minime e necessarie, Wayne Rainey & Soci ha provato a inserire la tappa in Virginia in altri periodi dell'anno, invano: "Abbiamo lavorato duramente con VIR per cercare di trovare una nuova data. Una volta che il governatore Northam ha esteso l'ordine di soggiorno a casa fino al 10 giugno, non siamo riusciti a farlo e siamo stati costretti ad annullare. Non poter gareggiare in Virginia nel 2020 non era qualcosa che avremmo mai immaginato e non avremmo mai pensato di dover affrontare qualcosa come il COVID-19. Continueremo a impegnarci per un programma di 10 eventi. Nel frattempo, esortiamo i nostri tifosi, team e piloti a continuare a fare le cose giuste per rimanere in una situazione di sicurezza".

Chi aveva acquistato i biglietti valevoli per il VIR, potrà sfruttarli, eventualmente, al New Jersey Motorsports Park, nel Michelin Raceway Road Atlanta e al Barber Motorsports Park; oppure, potrà ricevere un rimborso del prezzo del biglietto, escluse le spese del biglietto.

SBK, Puccetti: “Più visibilità con un campionato d’inverno”