Un percorso che possa portare i piccoli centauri al professionismo, magari sino alla MotoGP, proprio la stessa strada battuta da John Hopkins, coinvolto in un progetto molto interessante, appena nato.

Dall’American Racing Academy, ecco l’American Racing Ohvale Team, una squadra che parteciperà al MotoAmerica Ohvale Mini Cup, un mini torneo voluto per crescere i giovanissimi, mettendoli nelle giuste condizioni per apprendere e migliorarsi.

Hopkins - ex Motomodiale e SBK - ed il team manager Eitan Butbul hanno convenuto su quanto sia importante tracciare una linea che i talenti possano seguire, nell’obiettivo di arrivare alle grandi competizioni.

Sicché, John e Eitan hanno creato la squadra, in cui correranno quattro promesse USA. Dalla California, arrivano Jesse James Shedden e Travis Horn. Kayla Yaakov proviene dalla Pennsylvania e Julian Correa è di Miami.

I primi due correranno con le Ohvale 160, la 190 agli altri due; la cosa bella è che Hopkins fungerà da coach personale, aiutato da altri piloti professionisti. Oltre a giornate su piste di asfalto, i quattro pilotini in erba potranno girare anche su sterrato e godere di lezioni teoriche. Beati loro.

C’è di più: i migliori talenti avranno la possibilità di correre con l’American Racing Team in Moto2, formazione che schiera Joe Roberts, non per caso, seguito da... Hopper: La quantità di talento negli Stati Uniti e nei dintorni è enorme” - ha affermato Hopkins. "È solo una questione di trovare quel talento, mostrare loro ciò che è possibile e prepararli per il futuro, offrendo i migliori strumenti e formazione possibili per avere successo ai massimi livelli”.

MotoAmerica pensa ai giovani: ecco la Mini Cup