Quest’anno Jonas Folger disputerà il campionato tedesco della Superbike IDM e le sue intenzioni, come vi avevamo già annunciato lo scorso novembre, sono bellicose: conquistare il titolo nell’IDM quest'anno e poi passare al mondiale Superbike, disputando qualche wild card già quest’anno.

Intanto, però, con lo stop per la pandemia di Coronavirus, il 26enne bavarese non aveva ancora provato la Yamaha del team Bonovo Action By MGM Racing e ha potuto farlo soltanto adesso. La squadra ha organizzato una giornata in pista nell’Arena Motorsport di Oschersleben, e Folger ha dato prova di adattarsi rapidamente al nuovo contesto e alla moto.

La sfida


“È stata una sfida", ha detto Folger. Tutto era nuovo: il team, la moto e il percorso”, ha detto l’ex pilota del Motomondiale.

 “Il circuito di Oschersleben è molto faticoso, in realtà sembra più un tracciato per le 600. Ma è stato davvero positivo per il nostro lavoro”, ha detto Folger. "Siamo stati in grado di sviluppare una configurazione di base per la nostra moto. Alla fine abbiamo fatto molti giri, il tempo è stato bello, quindi siamo stati fortunati. Sono molto soddisfatto, è stato un ottimo test".

Il pilota bavarese ha dovuto lavorare molto per trovare il feeling. “Ho lottato fino alla fine, anche con me stesso. Le mie traiettorie non erano perfette, e nemmeno i punti di frenata... Di solito vado su piste che conosco - come Brno, Mugello o Misano e lì  mi basta fare due giri per poi dedicarmi solo alla moto. Non era il caso di Oschersleben. Ma abbiamo ottenuto molto e regolato l'elettronica”, ha detto Folger alla testata tedesca Speedweek.

Guardando al mondiale


Folger, infine, si è detto sollevato perché non sono state vietate le wildcard nel mondiale Superbike, a differenza della MotoGP. “Avevo un grande punto interrogativo dopo che le wildcard non sono state consentite nella MotoGP per via della situazione del Coronavirus. Non vedo l’ora di correre nel mondiale Superbike e di poter dimostrare che siamo una squadra competitiva”, ha concluso Folger.

SBK, Bautista preoccupato: “La pausa ci svantaggerà”