“It’s race week” scrivono in coro sui rispettivi social network tutti i piloti iscritti al BSB 2020. Tra i campionati nazionali era sicuramente quello più atteso e quello che ha ricevuto per ultimo la green light dal governo inglese per poter prender il via dopo un lungo stop dovuto all’emergenza Coronavirus.

Dopo il test collettivo di qualche giorno fa sul Donington National, è tutto pronto per una partenza assolutamente spettacolare. Per la prima volta infatti si parte con un triple header, ovvero tre gare sulla versione breve del tracciato.

Round inaugurale che si terrà a porte chiuse come confermato dagli organizzatori in una nota emessa lo scorso 31 luglio dopo un consulto con il Dipartimento di Digitale, Cultura, Media e Sport. Una decisione che non piacerà ai possessori di biglietti e pass per tutta la stagione ma in linea con quanto succede in Europa per gli eventi sportivi di questo tipo.

Il test di qualche giorno fa ha detto che le Kawasaki FS3 di Jackson e Buchan sono in formissima così come le Honda ufficiali dei fratelli Irwin. Molto bene anche la BMW OMG Racing di una vecchia conoscenza del motomondiale come Hector Barberà seguito da un pilota destinato a raccogliere l’eredità di Scott Redding nel team Visiontrack Ducati, ovvero quel Josh Brookes che ha già vinto il BSB qualche anno fa e che vuole ripetersi avendo in mano la moto migliore del lotto.

La cosa incredibile del test è stata vedere 18 piloti racchiusi in meno di 8 decimi con i primi 10 separati da neanche tre decimi, distacchi davvero contenuti come dimostra la classifica sottostante.

1. Lee Jackson (Massingberd-Mundy Kawasaki) 1m:06.583s
2. Jason O'Halloran (McAMS Yamaha) +0.014s
3. Hector Barbera (Rich Energy OMG Racing BMW) +0.017s
4. Glenn Irwin (Honda Racing) +0.054s
5. Andrew Irwin (Honda Racing) +0.080s
6. Danny Buchan (Massingberd-Mundy Kawasaki) +0.081s
7. Josh Brookes (VisionTrack PBM Ducati) +0.136s
8. Ryan Vickers (RAF Regular and Reserve Kawasaki) +0.253s
9. Joe Francis (Lloyds & Jones Bowker Motorrad BMW) +0.266s
10. Bradley Ray (Synetiq BMW Motorrad) +0.288s

Cosa aspettarsi?


Un test è un test, la gara però è tutt’altra cosa. Chissà se vedremo riproporsi questa classifica anche in gara o le forze in campo torneranno ad essere quelle viste nei test prima della pausa, ovvero con le Ducati di Brookes, Iddon e Bridewell a dettare l’andatura come nella scorsa stagione, che ha incoronato campione Scott Redding?

Quel che è certo è che ci sarà grande attesa per l'esordio delle Fireblade, che potrebbero spostare notevolmente gli equilibri.

Quello che vedremo sarà sicuramente grande spettacolo e gare tirate in pieno stile British Superbike. L’assenza del pubblico si farà sentire, ma attraverso i social i tifosi potranno sostenere i propri beniamini in questo primo weekend di gara post pausa.