Oli Bayliss è sempre di più sulle orme di papà Troy. Il figlio del tre volte iridato SBK corre nella Supersport 600 australiana con una Yamaha R6 del team Cube Racing ma, per il round locale del campionato Down Under, il giovane numero 68 debutterà con la 1000. La pista di Morgan Park nello stato del Queensland sarà il teatro della bellissima ed attesa scena.

A fianco del titolato Mike Jones ci sarà una seconda Panigale V4 R, allestita proprio per Oli che, a 16 anni, entra nel Desmo Sport Ducati, la cui co-proprietà appartiene a Troy:Sono veramente eccitato all’idea - le parole di papà - il suo è un salto importante. Siamo grati di poterlo schierare in Superbike ed è pazzesco pensare che io debuttai 10 anni più vecchio di lui. Però, penso realmente che mio figlio sia pronto per farlo. Negli ultimi 18 mesi è cresciuto parecchio, sia mentalmente che fisicamente”.

È vero, Troy debuttò nella Superbike australiana a ben 26 anni, età in cui ogni pilota “medio” è in fase di carriera affermata o, perlomeno, definita. Il canguro di Taree “medio” non lo è mai stato e, in poco tempo, ha raggiunto e superato risultati di avversari ben più giovani e sostenuti di lui.

Marc Marquez, rientro in pista ancora rimandato