Chi ben comincia, è a metà dell’opera, giusto? Allora, Oli Bayliss, compierà azioni straordinarie, perché il figlio di Troy, a soli 16 anni, ha debuttato nella classe Superbike australiana cogliendo un doppio podio a Morgan Park.

Non solo: il pilota Ducati, giovanissimo, biondo e davvero somigliante al padre tre volte iridato, ha pure siglato i giri veloci delle corse in programma nel weekend Down Under. Niente male, per un ragazzino che cavalcava per la prima volta la V4 R in una manifestazione ufficiale, districandosi tra rivali molto più esperti.

A centrare il successo nella manche numero iniziale è stato Aiden Wagner con la Yamaha R1, che ha battuto Mike Jones ed Oli Bayliss, entrambi sulla Rosse. Sia Wagner che Jones sono conosciuti dal paddock europeo delle derivate, il prossimo sarà proprio Oli.

Con quattro corse, il secondo round ha avuto diversi vincitori. Jones si è riscattato poche ore dopo, precedendo proprio Wagner, che è stato in grado di salire sul gradino più alto nella terza contesa. La quarta è andata ancora a Jones.

Bayliss Junior ha totalizzato 56 punti, dimostrando di detenere la stoffa giusta anche in mezzo agli “adulti”. Per una SBK mondiale che non annovera rappresentanti provenienti da laggiù, Oli potrebbe essere la pedina su cui puntare nei prossimi anni.

La SBK completerà la stagione 2020 tornando all'Estoril, pista storica portoghese