Tutto pronto per il quinto appuntamento del MotoAmerica 2020!. Da Pittsburgh, Beaubier e soci si spostano nello stato di Washington, Nord Ovest americano per un altro infuocato appuntamento della stagione. 

Prima novità importante di questo fine settimana l’assenza di pubblico. Come per il primo round a Road America, anche al The Ridge l’evento sarà a porte chiuse per le restrizioni sugli eventi con pubblico nell’ovest americano. 

La prudenza non è mai troppa: MotoAmerica chiude (ancora) le porte

L'Italia corre con Lorenzo Zanetti


Seconda novità importante per questo quinto round è la presenza di Lorenzo Zanetti. L’alfiere del Broncos Racing Team nel CIV sostituisce l’infortunato PJ Jacobsen sulla V4R del team Celtic HSBK con l’obiettivo anche di contribuire alla crescita della moto, da buon tester Ducati Superbike. 

Per Zanetti è USA Today: Lorenzo parte per il MotoAmerica

Ci siamo lasciati a Pittsburgh con un Beaubier in grande spolvero ed autore di una doppietta davanti a Matthew Scholtz ed al compagno di squadra Gagne. Il dominio del 27enne californiano nell’ultimo round non è stato così netto come nelle gare precedenti, Gagne si è fermato a poco più di 1” dal suo team mate nella seconda gara per cui tutto è ancora aperto nonostante i 37 punti che separano i due alfieri del team Yamaha ufficiale

La forza del team Yamaha ufficiale è data dunque dalle 7 vittorie in 8 gare di Beaubier e dai 7 podi in altrettante 8 gare per Gagne, al debutto quest’anno con il team Yamaha ed un compagno scomodo come il 4 volte campione. La Casa dei Tre Diapason può contare anche su un terzo alfiere, Matthew Scholtz, terzo in campionato dietro al duo ufficiale grazie al doppio secondo posto di Pittsburgh. 

A 27 punti da Scholtz c’è la Ducati V4R di Kyle Wyman. Per il ducatista 3 podi in 8 gare ed un ritiro, in gara-1 a Road Atlanta. Wyman precede di 7 punti Fong, migliore Suzuki ma autore di un doppio zero con tanto di dolore al polso a Pittsburgh ed unico vincitore del 2020 oltre a Beaubier, Herrin con la BMW, Anthony con un’altra Suzuki davanti all’altra M4 Ecstar di Toni Elias, ottava posizione per il campione 2017, diventato padre di Giovanna Rosemei soltanto una settimana fa. 

Numeri verso The Ridge


Toni Elias non ha mai superato le tre gare senza podi nella sua carriera da quando è sbarcato nell’AMA nel 2016. Ad oggi è nella sua peggiore striscia di gare senza salire sul podio, ben 9 considerando l’ultima gara dell’anno scorso.

Zanetti è solamente il secondo italiano a debuttare per Ducati nell’AMA. Il primo è stato Alessandro Gramigni nel 1996 grazie al team Fast by Ferracci. Il Gram ha vinto entrambe le gare di quell’anno al The Ridge.

Cameron Beaubier ha festeggiato a Pittsburgh le sue 100 gare nell’AMA con una doppietta. 45 vittorie per il 27enne californiano che ha sempre vinto gare fin dal suo debutto nel lontano 2014. La doppietta di Pittsburgh gli permette di consolidare il suo terzo posto nella classifica all time dell’AMA dietro agli imprendibili Hayes (61 vittorie) e Mladin (82 successi).

Dovesse vincere almeno una gara questo weekend, Cameron Beaubier arriverebbe a 8 vittorie in questo inizio di stagione. Ciò gli permetterebbe di eguagliare il record di vittorie, sempre 8, servitegli per vincere tre dei suoi 4 titoli nell’AMA.

MotoAmerica, Pittsburgh: Beaubier fa festa per le sue 100 gare