Il campione del mondo Moto3 del 2015 Danny Kent è tornato sul gradino più alto del podio in occasione dell'ultima tappa stagionale del British Superbike svoltasi lo scorso fine settimana sul circuito di Brands Hatch. L'inglese è riuscito a porre fine ad un periodo fortemente negativo durato ben quattro stagioni tra Moto2, BSB e problemi al di fuori della pista.

La vittoria è arrivata nella gara della Superstock 1000 sulla pista alle porte di Londra, dove Kent - in sella alla Kawasaki del Morello Racing - è transitato sotto la bandiera a scacchi davanti a Dan Linfoot e al campione della categoria Chrissy Rouse

La stagione della rinascita


Dopo anni difficili nel mondiale Moto2, dove non è mai riuscito ad essere realmente competitivo con nessuna moto, alla fine del 2018 Danny ha tentato la fortuna nella serie britannica in sella alla Halsall Suzuki. Lo scorso anno, però, dopo aver corso con l'MV del team Bike Devil a Snetterton, alcuni problemi giudiziari hanno posto fine alla sua stagione anzitempo, lasciando la moto prima a James Ellison e poi a Gino Rea.

Per questo 2020 Kent ha fatto un ulteriore passo indietro nella speranza di rilanciarsi, abbracciando il progetto del Morello Racing, squadra di punta della categoria Superstock gestita da Steve Buckenham. Una buona scelta, visto che in una stagione composta da soli sei round è riuscito ad ottenere una vittoria, un secondo posto e due terzi posti chiudendo sesto nella classifica di campionato e rilanciando le proprie quotazioni in vista di un 2021 da protagonista nel BSB.

BSB, Brands Hatch: Brookes torna sul trono inglese dopo 5 anni