Il 2019 ed il 2020 sono stati due anni estremamente complicati per Keith Farmer nel British Superbike. Nonostante le compagini di alto livello in cui ha corso, ovvero Tas Racing e Buildbase Suzuki, due infortuni alle gambe e ad una spalla ne hanno precluso fortemente il rendimento, facendo pensare al pilota di Clogher anche all'opzione del ritiro.

Fortunatamente, un'offerta che verrà svelata a breve gli ha ridato la fiducia necessaria per correre anche nel 2021, dove tornerà al top della forma nella Superstock 1000, classe in cui si è già laureato campione nel 2018.

Niente Mondiale per Krummenacher: Randy preferisce il BSB

"Voglio tornare a divertirmi in pista"


"Al termine di questa stagione pensavo di averne abbastanzaha detto il nord irlandese - perchè, dopo quattro titoli nel contesto britannico, negli ultimi anni non mi sono divertito e non ho guadagnato nulla neanche dal punto di vista economico. Ho iniziato a pensare al ritiro, ma fortunatamente una squadra mi ha fatto cambiare idea, credendo in me e permettendomi di correre per loro il prossimo anno percependo anche uno stipendio. Purtroppo non posso ancora fare il nome di questo team, ma presto arriverà l'annuncio ufficiale."

"Gareggerò in Superstock 1000 per una stagione, per poi eventualmente tornare in Superbike nel 2022 - ha aggiunto Farmer - ma correrò senza pressioni, che è il modo migliore per arrivare a buoni risultati. Dopo anni difficili, sono nuovamente motivato e con la giusta voglia di tornare ad occupare le posizioni che mi competono."

Yamaha bLU cRU Challenge: McAms supporterà i giovani talenti britannici