Il circuito del Mugello ha ospitato il terzo round stagionale del Campionato Italiano di Velocità, giunto al giro di boa. Doppio appuntamento, come ormai dallo scorso anno, con gare sia il sabato che la domenica, con la pioggia a scompaginare le strategie di piloti e team nella giornata conclusiva. Superbike Nella classe regina era facile prevedere un dominio di Michele Pirro. Il pilota Ducati Barni Racing  dopo aver conquistato la pole era pronto a replicare una gara condotta in solitaria. E invece ci ha pensato Roberto Tamburini a tenere tutti col fiato sospeso. Dopo il miglior tempo del venerdì, il pilota su BMW Moto X Racing con gomme Pirelli ha ingaggiato un duello con il leader della classifica SBK che si è concluso solo sotto la bandiera a scacchi. Dimostrando che l’unico in grado di lottare con Pirro in questo CIV 2015 è lui. Terza posizione per l’Aprilia di Andreozzi con il 4° posto di Ivan Goi. Sorpresa Schiavoni in 5° posizione e 6° posto per Sandi, partito forte fin dai primi giri e apparso di nuovo in forma al Mugello. In gara2 Pirro ha conquistato la 5° vittoria di fila e stavolta ha dovuto lottare sino alla fine con il compagno di squadra Ivan Goi, per una doppietta targata Barni Racing. Terzo posto per un’altra Ducati, quella di Simone Saltarelli, che ha chiuso un podio di piloti gommati Michelin, in una gara difficile da interpretare con la pista che, dopo la pioggia della mattinata, si andava asciugando e che ha visto la Suzuki di Baggi chiudere al 4° posto con l’Aprilia di Andreozzi 6° e la Yamaha di Barrier 7°. In difficoltà invece Tamburini e Perotti, rispettivamente 12° e 18°. Dopo il Mugello il Barni Racing comanda anche in classifica generale, con Pirro 1° (125 p.) seguito da Goi (81 p.). Terzo posto per Andreozzi 872 P.) e la Nuova M2 Racing con Perotti 4° e Tamburini 5°. Moto3 In gara1 è stato Marco Bezzecchi a spuntarla sul poleman di giornata Fabio Di Giannantonio, in un round che ha visto i due combattere fino agli ultimi metri. Dopo una gran partenza del trio Bezzecchi, Di Giannantonio  e Groppi, da metà gara in poi i due leader del campionato hanno fatto il vuoto dietro di loro, lottando sino all’ultimo giro. Il risultato finale ha premiato Bezzecchi, ancora in testa in campionato con 100 punti davanti a Di Giannantonio (94 p.) e Spiranelli (58 p.), caduto in gara. Buona prova di Groppi 3° al traguardo, con Montella (SIC58) che ha chiuso ai piedi del podio. Nel Trofeo NSF 250 vittoria di Ghidini, davanti a Raimondi e Bianucci. Valori che cambiano ancora in gara2, con la prima vittoria stagionale di Anthony Groppi. Il pilota Pos Corse è stato il migliore sotto l’acqua del Mugello, in una gara che ha perso Marco Bezzecchi a causa di una scivolata. Sfortuna anche per Bruno Ieraci. Il pilota RMU Racing, a lungo in testa, è caduto nelle ultime tornate quando sembrava essere favorito per la vittoria. Seconda posizione invece per la Mahindra Peugeot di Fabio Spiranelli e terzo posto per Manuel Bastianelli. Cambio in vetta alla classifica generale, con Fabio Di Giannantonio che approfitta della caduta di Bezzecchi e forte del 4° posto odierno diventa leader in Moto3 con 107 punti davanti a Bezzecchi (100 p.) e Spiranelli (78 p.). Nel Trofeo NSF 250 vittoria di Pasqualotto davanti a Guzzon e Raimondi. In campionato invece in testa c’è Ghidini davanti a Raimondi e Zanotti. Supersport In gara1 ha trionfato la MV di Massimo Roccoli. Ma le emozioni non sono mancate. Roccoli è riuscito solo negli ultimi giri (stampando il best lap proprio all’ultima tornata) a prendere un po’ di margine su Stefano Cruciani, giunto secondo al traguardo, ma penalizzato di 5 secondi per sorpasso in regime di bandiere gialle, e retrocesso quindi in 6° posizione. La classifica finale ha visto il trionfo di Roccoli con Mercandelli (Yamaha) secondo e Bussolotti (Kawasaki) terzo. Targa leader che resta nelle mani di Roccoli, (86 p.) davanti a Mercandelli (76 p.) con Cruciani terzo a 68 punti, tallonato da Bussolotti ad un solo punto di distanza. In gara2 Massimo Roccoli su MV Augusta fa doppietta, anche se la gara non è stata facile. Il leader della classifica generale è riuscito a spuntarla solo in volata sulla Yamaha di Andrea Mantovani, con la Kawasaki di Bussolotti che ha confermato il podio di ieri. 4° posto per un'altra MV, quella di Ilario Dionisi, con Morrentino 5°. Solo 12° invece Roberto Mercandelli. Weekend da dimenticare per Stefano Cruciani, costretto ad abbandonare la gara per un guasto tecnico alla sua Kawasaki. Lo zero di Cruciani permette a Roccoli di allungare in classifica generale, dove comanda con 111 punti davanti a Bussolotti (83 p.) e Mercandelli (80 p.). Quarto posto per Cruciani (68 p.) Pre-Moto3 In gara1 Celestino Vietti Ramus e la sua RMU proseguono la corsa verso il titolo Premoto3 250 4t, vincendo anche al Mugello. Ma Stefano Nepa non molla: il campione in carica ha chiuso in terza posizione nonostante un infortunio alla mano destra che non gli ha permesso di esprimersi al meglio. Secondo gradino del podio invece per l’altro pilota RMU Racing Nicholas Spinelli. Vietti Ramus conduce in classifica generale con 116 punti davanti a Nepa (93 p.) e Spinelli (84 p.). Cambio al vertice invece nella Premoto3 125 2t, con Leonardo Taccini che, dopo la doppietta di Vallelunga, trionfa anche al Mugello dopo una lunga battaglia con Serinaldi, conclusa solo al fotofinish, e conquista la targa leader scavalcando Bernardi di un solo punto. Terzo gradino del podio per Baldini. In gara 2 doppietta per Celestino Vietti Ramus. Il pilota RMU Racing si porta a casa la quinta vittoria stagionale e dimostra ancora una volta di essere il più in forma nella 250 4t. Dietro di lui, in una gara dall’arrivo in volata, 2° posto per Kevin Zannoni e 3° per Spinelli, distaccati da 0,001 secondi. Quarta posizione per Stefano Nepa, che chiude un weekend difficile a causa dell’infortunio alla mano destra. In classifica generale il leader è Vietti Ramus (141 p.), con Nepa 2° (106 p.) e Spinelli 3 (100 p.). In 125 è stato il fiorentino Lorenzo Bartalesi a trionfare sulla pista di casa, con Leonardo Taccini 2° e Simone Serinaldi 3°. Con il podio di oggi, Taccini conferma la leadership in 125 2t (101 p.) seguito da Bernardi (90 p.) e Triglia (87 p.) Fiammetta La Guidara