Lasciato il Mugello, il “Circus” del Campionato Italiano Velocità ha raggiunto il circuito di Misano, per il secondo dei quattro Round previsti per questo 2020.

Vediamo, classe per classe, come è andata questa prima giornata di prove, in cui i piloti si sono trovati ad affrontare una prima qualifica sul bagnato, dopo un turno di libere disputato su pista asciutta. Condizioni che i rider dovrebbero ritrovare nella giornata di domani, in cui non è atteso il ritorno della pioggia.

PreMoto3


Primi, tra le cinque classi del CIV, a calcare l’asfalto del Misano World Circuit sono stati i ragazzi della PreMoto3, con Alberto Ferrandez (Team Runner Bike) che si è preso la vetta della classifica delle prove libere con il tempo di 1'49”491. Un crono che gli ha premesso di tenersi dietro, per soli 35 millesimi, Flavio Massimo Piccolo (RGR Tm Racing Factory Team), secondo davanti a Demis Mihaila. A completare la Top 5, Cristian Lolli (M&M Technical Team), quarto con il tempo di 1’50”340 e il vincitore della seconda gara del Mugello, Edoardo Liguori, del team Pasini Racing (1’50”500).

Nel pomeriggio, su pista bagnata, il leader della generale si è portato in seconda piazza con il crono di 2'01”675 a oltre un secondo e due dal poleman provvisorio Antonino Achille Navarria, unico a girare sul piede dei 2’00. Terzo, a 1’6 dalla vetta, Mattia Falzone (RXP Race For Passion) che ha preceduto il duo del Team Runner Bike, formato da Alberto Fernandez (2'02”849) e Luca Agostinelli (2'03.813). Ampi i distacchi in classifica, con soli 12 piloti che hanno deciso di affrontare questa prima sessione di qualifica.

Moto3


A mettere le ruote davanti a tutti, in Moto3, ci ha pensato Alberto Surra (Team Minimoto), che nelle prove libere è riuscito ad avere la meglio, per soli sei millesimi, su Perez Selfa (RGR TM Racing Factory Team), fermando il cronometro sull’1’43”862. L’agguerrito rookie si è poi ripetuto in Q1 grazie al tempo di 1’53”489, che gli ha permesso di portare al comando la sua KTM, con 43 millesimi di vantaggio su Matteo Bertelle, che al mattino aveva chiuso al terzo posto, a 540 millesimi da Selfa.

Alle spalle del #28, troviamo Lorenzo Bartalesi (POS Corse), terzo davanti ad Alessandro Morosi (RGR TM Racing Factory Team) e Matteo Patacca (Protech Racing Team). Decimo tra i sedici piloti a prendere la via della pista, il mattatore del Mugello, Kevin Zannoni (Junior Team Total Gresini), che aveva fatto registrare il quinto tempo nelle Libere, a 681 millesimi dalla vetta.

Da segnalare l'esclusione dalla classifica della Q1, per assenza di uno sticker su una delle gomme, di Elia Bartolini (RMU Racing) e il 22esimo crono firmato al mattino da Alessandro Tonucci (MTA Italia), al suo rientro nella categoria dopo cinque anni d’assenza.  

SBK


Come da pronostico, il venerdì a Misano ha regalato un nuovo capitolo del duello tra Michele Pirro e Lorenzo Savadori.

A spuntarla, prima su asciutto e poi sul bagnato, l’alfiere del team Barni Racing, che agguantato la pole provvisoria con il tempo di 1'44”894. Un crono con cui ha rifilato ben 4”118 al pilota Aprilia, primo dei cinque inseguitori che, al pomeriggio, hanno deciso di avventurarsi sull’asfalto di Misano. Terzo a 40 millesimi da Savadori, Samuele Cavallieri (Barni Racing Team), che ha preceduto Lorenzo Gabellini (Althea Racing), Eddi La Marra (Nuova M2 Racing) e Alessandro Andreozzi (ZPM Racing).

SS600


Se al mattino era stata la wild card Lucas Mahias (Kawasaki Puccetti Racing) a svettare davanti all’alfiere Gomma Racing, Luca Bernardi, ben diversi sono stati i protagonisti del primo turno di qualifica della Supersport600. A guidare la classifica della Q1, infatti, è stato Kevin Manfredi, che ha portato in vetta la sua MV Agusta, con il crono di 1'41”268.

Secondo, a 465 millesimi, Stefano Valtulini (Black Flag Motorsport), che ha preceduto Alessandro Nocco (Renzi Corse), Massimo Roccoli (Team Rosso Corsa) e Filippo Fuligni (Team Rosso e Nero). Completano la lista dei tempi, Marco Marcheluzzo (Black Flag Motorsport) ed Emanuele Tonassi (Team Rosso e Nero), ultimi piloti a collezionare qualche giro sul bagnato.

SS300


Come in Superbike, anche nella Supersport300 si è assistito a un gran duello, combattuto tra Manuel Bastianelli (CM Racing Kawasaki) e Giacomo Mora (Junior Team AG Yamaha Pata). Se nelle libere era stata la “verdona” dell’ex Campione a mettere tutti in fila, nella Q1 è stata la Yamaha di Mora ad avere la meglio, grazie al crono di 1'50”81, che gli ha permesso di mettere 198 millesimi tra sé e il rivale. Terzo nel primo turno di qualifica, Nicola Bernabè (Team Pedercini), che si è messo alle spalle Emanuele Vocino (GradaraCorse PZracing) e i tre piloti del Prodina Ircos Team, Thomas Brianti - che partecipa come wild card -, Samuele Marino e Mattia Martella. Tredicesimo, con il riferimento di 1'51”699, il leader della classifica, Nicola Settimo.

CIV Junior, i risultati di Magione