Dieci giri infuocati, dal punto di vista meteo e dallo spirito messo in pista. La seconda gara dello Women’s European Cup ha espresso a Misano valori altissimi, in termini tecnici e di agonismo.

Le ragazze dotate di motociclette da regolamento Supersport 300 hanno dato spettacolo dalla prima all’ultima curva del Marco Simoncelli, per una battaglia tra le più spettacolari del sabato.

Per soli 312 millesimi, l’ha spuntata Beatriz Neila Santos, già vincitrice della prima tappa disputata al Mugello. La “pilotessa” spagnola numero 36 ha conquistato il successo con la Yamaha R3, precedendo l’italiana Sabrina Della Manna in volata: “Sono contentissima - la gioia di colei che comanda il campionato - e dedico il risultato a squadra, team ed amici. Misano è una pista bellissima, oggi faceva caldo, è stata dura ma stupenda”.

Sabrina che, a sua volta, ha battuto per un battito di ciglio Roberta Ponziani, in un duello che ha fatto divertire tutti: “Questa gara mi ha fatto tornare il sorriso - le parole della portacolori Gradara Corse Racing - dopo tempo, sto tornado a divertirmi seriamente. Peccato solo per il finale, però sono comunque soddisfatta”. Anche Roberta Ponziani è soddisfatta:Gara dura - ha spiegato in sala stampa - e tiratissima. Mi piace il terzo gradino del podio, però domani proverò a scalare almeno una posizione”.

Alexandra Pelikanova - biondissima e velocissima arrivata dalla Repubblica Ceca - è giunta quarta, prima di Aurelia Cruciani e Martina Guarino. Nella folta selva di combattenti, alternate tra monocilindriche di Iwata e bicilindriche di Akashi, abbiamo talentuose ragazze tricolore, sudamericane ed australiane, le quali hanno offerto sorpassi, numeri e qualità di guida. Ma non è tutto: domani ci sarà una seconda partenza, per emozioni raddoppiate.

Marquez rinuncia al Gran Premio di Andalusia, però ci ha provato