Durante il Round del CIV a Misano ci eravamo veramente spaventati. Ad un certo punto del turno di prove Superbike, Andrea Mantovani ha rimediato una caduta e, la conseguente botta con il duro asfalto romagnolo, gli aveva procurato un trauma cranico commotivo.

Dopo un rapido controllo, il pilota del team Tutapista Corse è stato trasportato dall'elicottero all'ospedale di Cesena, dove sono stati effettuati ulteriori approfondimenti. Rilasciato ore dopo, Andrea si è ripresentato al Marco Simoncelli, ma qualcosa ancora non era al meglio.

Da lì, un altro volo in elicottero, ancora all'ospedale di Cesena. Per fortuna, il terzo controllo ha scongiurato conseguenze celebrall e neurologiche, tanto che Mantovani era domenica nel paddock, pur senza gareggiare. Un breve periodo di riposo, tanta bicicletta e il ripristo di una forma eccellente.

Ieri, nel test collegiale dedicato all'ELF CIV, ad Imola si è vista in azione una BMW numero 9, sulla quale la squadra veneta ha lavorato per migliorarne le prestazioni. Era proprio lui, Andrea: "Sì, ora sto bene - le parole del capelluto moschettiere di Migliarino - ho preso circa un secondo dall'Aprilia, ma la cosa importante per era tornare in sella". Sì, Andrea sta benone: lo dimostra la voglia di colmare il gap dalla vetta. Bentornato Manto!

Niente da fare per Iannone, costretto a non correre nella MotoGP 2020