Si preannuncia un sabato caldo questo di Imola, non tanto per i 37°C ben percepiti in Autodromo, quanto per l'azione offerta in gara dalle cinque classi del Campionato Italiano Velocità, che hanno dato spettacolo già nei secondi turni di qualifica.

Tra domini e duelli, vediamo quali verdetti ha dato l'asfalto dell'Enzo e Dino Ferrari, questa mattina.

Moto3


Vicente Perez Selfa non vuole mollare la vetta. Mattatatore di tutte le sessioni sin dalle Libere di venerdì, il portacolori del RGR TM Racing Factory Team ha ritoccato il tempo di ieri prendendosi la pole position con il tempo di 1'57"470, che gli ha permesso di mettere 136 millesimi tra la sua TM e la KTM del primo inseguitore, Alberto Surra (Team Minimoto).

Chiuderà la prima fila Kevin Zannoni (Junior Team Total Gresini), terzo a quasi 3 decimi dallo spagnolo, che questo fine settimana farà di tutto per ritardare la festa a Zannoni, riducendo il gap di 40 punti con il leader della classifica.

Quarto tempo per Andrea Giombini (Junior Team Total Gresini), che dividerà la seconda fila con Nicola Fabio Carraro (RGR TM Racing Factory Team), quinto, ed Elia Bartolini (RMU VR46 Riders Academy).

SBK


Sarà piuttosto complicato il weekend che attende Lorenzo Savadori (Nuova M2 Racing). L'Aprilia RSV4 del cesenate fatica tra i saliscendi di Imola, dove il leader della classifica dovrà accontentarsi di scattare dalla quarta casella dello schieramento. Esattamente dietro al poleman di giornata, Samuele Cavalieri (Barni Racing Team), particolarmente a suo agio sulle rive del Santerno e sicuramente più efficace del suo compagno di squadra Michele Pirro, terzo, nonostante una scivolata alla Variante Bassa. 

Vera sorpresa delle Q2, tuttavia, è stato Alessandro Delbianco (DMR Racing), che questa mattina è riuscito a ritoccare di quasi un 1"5 il crono di ieri, fermandosi a soli 56 millesimi dal riferimento firmato da Cavalieri (1'47"933).

Completeranno la seconda fila le Ducati Panigale V4R di Lorenzo Zanetti (Broncos Racing Team), quinto, e Alessandro Andreozzi (ZPM Racing).

SS600


1'52"353 questo il gran giro con cui Luca Ottaviani ha piazzato la sua BMW davanti al leader della classifica Luca Bernardi (Gomma Racing), prima punta di un trio tutto Yamaha formatocon Marco Bussolotti e Massimo Roccoli (Team Rosso Corsa), che partiranno, rispettivamente, terzo e quarto.

Segue la Honda di Roberto Mercandelli (Sc.Improve Firenze Motor), che si schiererà in seconda fila accanto alla MVAgusta del sesto qualificato, Davide Stirpe (Extreme Racing Bardahl), ultimo pilota ad accusare meno di 1" di ritardo dalla vetta (+0"840).

SS300


Cambio al vertice nella Supersport300. Con Manuel Bastianelli (CM Racing), che non migliora il 2'07"498 di ieri, è Emanuele Vocino (GradaraCorse PZracing) a prendersi la partenza al palo, girandi in 2'07"278.

Completa una prima fila tutta Kawasaki Mattia Martella (Prodina Ircos Team), che precede la R1 di Giacomo Mora (Junior Team AG Yamaha Pata) e le Ninja di Francesco Prioli (GradaraCorse PZracing) e Nicola Settimo (Prodina Ircos Team).

PreMoto3


Cambia aspetto, rispetto a ieri, anche la griglia di partenza della PreMoto3, dove è Edoardo Michele Boggio (AC Racing Team) a conquistare la pole position, rifilando 202 millesimi a Edoardo Liguori (Team Pasini Racing). Si inserisce, in terza piazza, Cristian Lolli, (M&M Technical Team), che ha preceduto Demis Mihaila, Mattia Volpi e Guido Pini (AC Racing Team), che tenterà di riscattarsi in Gara 1.

Le parole dei poleman


CIV, Pasini debutta a Imola: “Per divertirmi, l'obiettivo è la Moto2 e ci sono possibilità”