Si può dire che a Imola Lorenzo Savadori abbia centrato il weekend perfetto. In questa calda domenica, difatti, il collaudatore Aprilia ha bissato la vittoria di Gara 1 e si è portato a un passo dalla conquista del titolo, grazie a 42 punti di vantaggio su un consistente Samuele Cavalieri; primo inseguitore sia in gara che in campionato.

Dopo il terzo posto di ieri, infatti, il pilota del team Barni Racing si è preso la rivincita su Lorenzo Zanetti, tagliando il traguardo di Gara 2 in seconda posizione, con un margine di 5"1 dal portacolori del Broncos Racing Team.

Tra i tre uomini sul podio, chi manca all'appello è ancora una volta Michele Pirro, incappato in un fine settimana veramente disastroso. Se in Gara 1 era stato un inconveniente allo scarico a spingere al ritiro il pilota di Barni, quest'oggi un problema nell'inserimento della marcia nel giro di schieramento ha costretto Michele a una rimonta decisamente fuori programma.

Decimo subito dopo la partenza, il pilota di San Giovanni Rotondo ha forzato nel tentativo di rimontare il prima possibile, finendo così per concludere la sua corsa all'inizio del secondo giro, con una caduta al Tamburello.

Buon fine settimana, invece, per Kevin Calia (DMR Racing), che lascia Imola con un doppio quarto posto. Alle sue spalle Luca Vitali (Cherry Box 24 Guandalini RacingB), quinto davanti ad Andrea Mantovani (Tutapista Corse) e a un Alessando Delbianco (DMR Racing) meno performante rispetto a ieri.

CIV Imola, Moto3: doppietta di Perez Selfa, Zannoni 4° titolo in bilico