Dopo essersi laureato campione italiano Superbike con una gara d'anticipo, Lorenzo Savadori ha dominato anche Gara 2 a Vallelunga chiudendo in bellezza un 2020 da protagonista nel panorama motociclistico tricolore. I piani per il 2021 non sono ancora definiti, ma "Sava" continuerà ad essere un pilota Aprilia.

Savadori: "Un anno super!"


Quanto sei soddisfatto di questa grande stagione?

E' stato un anno 'super', davvero positivo. Vincere il campionato italiano era l'obiettivo che ci eravamo posti e siamo riusciti a raggiungerlo. Sono molto contento delle mie prestazioni e di quelle della squadra”.

Come ti sei trovato con la nuova Aprilia RSV4 1100?

Mi sono trovato benissimo e abbiamo lavorato davvero molto bene per renderla competitiva. Non è stato facile, perchè a causa della pandemia non è stato possibile effettuare tanti test e abbiamo girato poco, ma restando sempre concentrati siamo riusciti a tirar fuori il massimo da ciò che avevamo a disposizione”.

Come ti è sembrato il livello del CIV Superbike?

Il livello del campionato è davvero molto alto. E' un peccato che ci siano stati meno partecipanti del solito, ma erano tutti piloti davvero veloci e squadre di grande esperienza”.

Conosci già i tuoi piani per il 2021?

Non so ancora che cosa farò. Devo parlare con Aprilia, perchè eravamo concentrati sul CIV e, ora che abbiamo vinto il campionato, possiamo ricominciare a pensare al futuro. A me piacerebbe tornare nel mondiale, ma dobbiamo vedere quali possibilità ci sono”.

Continuerai a svolgere anche il ruolo di tester per la MotoGP?

Sì, l'impegno con la RS-GP continuerà anche nel 2021. Purtroppo anche i test con la MotoGP quest'anno sono stati pochi, ma il feeling con la moto è buono e continua ad aumentare ad ogni uscita. Mi trovo a mio agio e riesco ad essere veloce, il che è positivo”.

Esclusiva, Bernardi: “Abbiamo raggiunto l'obiettivo, ora penso al mondiale”