Il the Blacksheep Team si è da sempre autodefinito la “pecora nera” del paddock, però in senso buono, per una accezione positiva che il caposquadra Marco Frison descrive così: “Quando arrivammo a correre, avevamo un semplicissimo furgone - racconta - sul quale c’erano le moto, gli attrezzi ed il minimo indispensabile. Niente di più. I rivali montavamo hospitality e quant’altro, noi nemmeno l’ombra di tutto questo. Nonostante tutto, in pista andavamo forte, contraddistinguendoci per concretezza e pure per correttezza: ogni accordo preso con piloti, organizatore, fornitore e sponsor è stato onorato, contrariamente a quanto si è visto fare da altri. Ecco perché, scherzosamente, siamo la pecora nera di turno”.

Ora è chiaro da dove arrivi il nome Blacksheep...

“Esatto, il segreto è svelato (ride). Comunque, il nome non deve intimorire, anzi: abbiamo ottimi rapporti con tutti e devo dire che è sempre bello ricevere complimenti di ogni genere. Per esempio, la nostra Yamaha R6 è parecchio ammirata, a piacere è la livrea, per colori difficili da mettere insieme, tuttavia in una rifinitura coerente, armoniosa, grintosa”.

Come sarà la grinta 2021?

Doppia, perché al già confermato Marco Muzio, con cui ci troviamo veramente bene sia in pista che nel box, affianchermo la novità dell’anno. Si chiama Jacopo Facco, vincitore del Pirelli Cup 600, categoria che lo lancia nel CIV Supersport. In pratica, avreme due pecore nere: Muzio è l’esperto, Facco il giovane. Il nostro team è completo e pronto alla sfida”.

Da Genova e Monselice, in giro per l’Italia e non solo


Muzio gareggia da tanti anni a livelli buonissimi. Protagonista dell’ELF CIV in tutte le principali classi, Marco si è specializzato nella 600: “Corro con Blacksheep dal 2015 - svela - un team che per me è come una famiglia. Io ho 38 anni e, ormai da due, dichiaro che starò per affrontare la mia utima stagione di corse, invece... non è mai così, perché con loro sto talmente bene, tanto da voler terminare la mia carriera con questa squadra, con il solito spirito di passione".

La novità ha 20 anni e vive a Monselice, giusto due passi dalla sede Blacksheep di Padova: “Sono stato più volte da loro - Jacopo Facco è entusiasta - notando una grande professionalità da parte di tutti. Esco da campione del Pirelli Cup 600 ed il mio obiettivo è diventare Rookie della Supersport tricolore 2021. Non vedo l’ora di saltare insella per i primi test stagionali”.

Test che potrebbero svolgersi anche fuori dal Bel Paese:Magari a Cartagena - continua Frison - perché è vero che iniziammo con un furgone, ma oggi Blacksheep ha un camion, la tenda service ed uno staff che lavora nelle competizioni da anni. Il nostro elettronico è Massimo Neri, un professionista già visto a fianco di Troy Corser in Suzuki, con tanto di titolo SBK vinto nel 2005. Abbbiamo tutto quanto utile per fare bene nel bellissimo CIV Supersport, con l’idea di concretizzare eventuali wild card iridate”.

 Leon Haslam sostiene che Honda abbia capacità più grandi rispetto a Kawasaki