L’ultimo atto del campionato di SSP300 vedeva un Matteo Vannucci appena laureatosi campione italiano, con il rivale di stagione Bahattin Sofuoglu, intento però a conquistare l’ultima manche dell’anno. Buona partenza per il neocampione che a differenza di Gara-1 coglie un ottimo spunto davanti a Sofuoglu e Carnevali, tuttavia poco dopo lo stesso Vannucci perde un po' di terreno andando “lungo”. Gara nello stile classico della SSP300 con tanta bagarre soprattutto nelle primissime fasi, almeno fino al momento in cui la testa della corsa, guidata per alcuni tratti da Sofuogli, Ieraci e Vocino, ha scremato il gruppo che si è poi ridotto a 9 piloti.

Vannucci domina e va in fuga

Non ci ha messo molto a risalire Vannucci, autore di un ritmo gara inarrivabile per gli altri come in Gara-1. Il campione della categoria, libero dalla pressione del titolo, ha iniziato a imprimere un passo difficile da imitare per gli altri tranne, in un primo momento, che per Vocino e Coppola, con quest’ultimo però caduto a seguito della perdita dell’anteriore. A metà gara Vannucci consolida la fuga, mettendo subito tra sé e gli inseguitori circa 2 secondi a suon di giri veloci.

Con Vannucci in fuga per la vittoria, la vera bagarre si è concentrata per la lotta per il podio, in un gioco di scie e traiettorie in pieno stile SSP300, i piloti si sono continuamente scambiati posizione, con Sofuoglu e Ieraci particolarmente in vista. Alla fine, a spuntarla è stato proprio il pilota turco davanti a Ieraci, che con questo podio torna terzo in classifica generale. Quinta vittoria dunque per il dominatore di Vallelunga, Vannucci, vincitore con più di sei secondi sugli inseguitori.

CIV PreMoto3, Vallelunga: Ferrandez campione per 26 millesimi

Ordine d'arrivo della SSP300