Cabrini e Barale, “Bella la Women's Cup, ma vogliamo battere i ragazzi”

Cabrini e Barale, “Bella la Women's Cup, ma vogliamo battere i ragazzi”

Sara e Arianna sono protagoniste della serie europea femminile e sostentute dal progetto Angeluss di Aurora Angelucci: "Sarà impegnativo riuscirci, noi ce la metteremo tutta"

Tre ragazze, tutte giovani e sorridenti, grazione e grintose. Ai due estremi chi i semimanubri li afferra tra le mani, al centro colei che sostiene il Gentil Sesso a due ruote, promuovendone attività volte alla crescita agonistica e comunicativa. Aurora Angelucci è icona dell'Angeluss Women in Motosport che, come potrete intuire, supporta e segue i talenti femminili a due ruote.

E di talenti dal tocco rosa al Campionato Italiano Velocità ne vantiamo a dosi, tra cui Sara Cabrini e Arianna Barale, "pilotesse" giovani, simpatiche e protagoniste dello Women's European Cup, serie totalmente dedicata alle ragazze del motore. 

Cabrini e Barale, entrambe a punti a Vallelunga


Nella gara disputata al Piero Taruffi, Sara e Arianna si sono difese con il coltello tra i denti. La numero 31 è arrivata sesta, la numero 41 quattordicesima. Piazzamenti valevoli di punti per entrambe, con classifica generale che le vede rispettivamente decima e tredicesima.

La Cabrini e la Barale sono pronte a spiccare il volo, perché velocità e talento ci sono: "Per me è il secondo anno nello European Women's Cup - ecco Sara - e sono molto contenta di esserci, perchè si tratta di un campionato interamente al femminile. In questo mondo prettamente maschile, ci voleva una serie così".

Ora tocca ad Arianna: "Vero, ci voleva - le sue parole - pure per me è la seconda stagione a cui partecipo, rendendomi conto di quanto tosta sia la competizione, sebbene l'obiettivo sia un altro". Qual'è l'obiettivo? Le due centaure rispondo in coppia: "Battere i ragazzi, ovviamente. Ciò è quanto più desideriamo, sapendo che sarà impegnativo, sicchè ce la metteremo tutta". 

L'Angeluss Women in Motosport mette le ali


Se avete già sentito lo slogan citato, leggete qui. L'Angeluss Women in Motosport è una società con ambizioni precise e mirate, come spiega Aurora Angelucci: "L'obiettivo è un team di MotoGP costituito da donne - le parole dell'ideatrice e amministratrice - per arrivarci partiamo dai primi gradini della scala, ovvero, i campionati nazionali e propedeutici".

Il traguardo è ambizioso e strutturato: "Ho fondato l'Angeluss perchè voglio offrire il massimo supporto di crescita ai motociclismo femminile, raggiungendo grossi risultati e traguardi mondiali. Sappiamo che ancora vigano disparità sessuali in ogni ambito, noi portiamo il nostro messaggio nello sport che più amiamo".

Sulle tute di Sara Cabrini e Arianna Barale si legge la scritta Angeluss, main sponsor del team MTA dotato di KTM iridate e sulla Yamaha M1 di Andrea Dovizioso, punta dello WithU RNF. Aurora Angelucci e il suo staff si stanno facendo conoscere nei migliori ambiti a due ruote.

Massimo Rivola: "Una squadra satellite Aprilia? Casomai un Junior Team"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi