Anche il mondiale Endurance si prepara a fare la sua ripartenza dopo il lungo stop per l’emergenza Coronavirus. La prima gara in calendario è prevista per la fine di agosto – nel weekend del 29 e 30 – con la leggendaria 24 Ore di Le Mans, sul circuito Bugatti.

Come vi avevamo annunciato la gara sarà a porte chiuse, ma la priorità di garantire la continuità del campionato mondiale è stata determinante nel riscrivere il calendario mondiale.

La Federazione Motociclistica Internazionale ha appena divulgato l’elenco iscritti: per la 43a edizione della gara di mondiale Endurance sul circuito Bugatti saranno presenti 43 squadre a partire dalle prove libere di mercoledì 26 agosto.

Le squadre


Nonostante una griglia ridotta, è lecito aspettarci corse ricche di azione, perché tutti i migliori team saranno presenti con nuove formazioni o novità tecniche.

Il team Suzuki Endurance Racing, leader provvisorio della classifica del campionato, vedrà per la prima volta il pilota belga Xavier Simeon in equipaggio con Gregg Black e Etienne Masson.

Il team BMW Motorrad World Endurance – secondp nella classifica provvisoria della prima parte di stagione - ha un impressionante schieramento composto da Kenny Foray, Ilya Mikhalchik e Markus Reiterberger.

Il Wójcik Racing Team, autore di un bell’exploit al Bol d’Or con un secondo posto, ha rafforzato la propria formazione, con il pilota australiano Broc Parkes in sella alla Yamaha 77 insieme a Gino Rea e Axel Maurin.
Risalito al quarto posto in classifica dopo la vittoria a Sepang, il team Yamaha YART schiera Niccolò Canepa in equipaggio con Marvin Fritz e Karel Hanika.

I campioni in carica Webike SRC Kawasaki France Trickstar sono in ritardo in classifica, ma di certo combatteranno per recuperare il tempo perduto con Jérémy Guarnoni, Erwan Nigon e David Checa e il loro nuovo fornitore di pneumatici Michelin.

I vincitori del titolo 2017-2018, FCC TSR Honda France, contano sulla nuova Honda CBR1000RR-R per issarsi nella Top 5 con i piloti Josh Hook, Freddy Foray e Mike di Meglio.
Nel frattempo, il Team ERC Endurance vedrà ancora una volta Randy de Puniet in equipaggio con Louis Rossi e Julien da Costa sulla Ducati Panigale V4R, pure equipaggiata Michelin.

Al via anche Roberto Tamburini, con il team R2CL, in squadra con Sheridan Morais, Clinton Seller, James Westmoreland sulla Suzuki.

La Superstock


Saranno in pista anche le migliori squadre della classe Superstock, a partire da Moto Ain, vincitori della Coppa del mondo FIM Endurance della scorsa stagione e attuali leader dopo le vittorie consecutive al Bol d'Or e alla 8 Ore di Sepang con il nostro Roberto Rolfo in equipaggio con lo svizzero Robin Mulhauser e il francese Hugo Clere su Yamaha.

In Superstock occhi puntati anche sull’equipaggio del No Limits Motor Team con la Suzuki, che schiera Luca Scassa, Luca Vitali e l’austriaco Christopher Kemmer. Per tre quarti italiano l’equipaggio del team francese Energie Endurance 9, con i fratelli Christian e Federico Napoli e il transalpino Martin Choy su Kawasaki.

Infine, occhi puntati anche sulla compagine francese Team 33 Coyote Louit Moto, con i nostri Christian Gamarino, Kevin Manfredi e l’inglese Luke Hedger anche loro su Kawasaki.

L'attuale crisi ha colpito duramente i nostri concorrenti e ha inciso sui loro budget per la stagione. Noi di ACO e i nostri partner abbiamo ritenuto fondamentale andare avanti con l'edizione di quest'anno, che ancora una volta promette di essere una gara elettrizzante, anche se si tiene a porte chiuse”, ha detto Pierre Fillon, presidente dell'Automobile Club de l'Ouest. “Abbiamo una griglia di prim'ordine. Tutto è pronto per portare questa 43a edizione al maggior numero possibile di fan attraverso la televisione".

SSP600: Krummenacher lascia MV Agusta con effetto immediato