Con la pole provvisoria sotto l’acqua di BMW Motorrad a precedere Yoshimura SERT e Team Bolliger, è scattata ufficialmente l’84^ edizione della 24h del Bol d’Or sul tracciato del Paul Ricard a Le Castellet.

Un Bol d’Or che ritorna dopo la cancellazione dello scorso anno e che finalmente apre le porte al pubblico dopo oltre un anno e mezzo di gare a porte chiuse.

Livrea speciale


Come annunciato da Yamaha nel comunicato stampa diramato oggi, YART disputerà il Bol d’Or vestita della iconica livrea bianco/rossa per celebrare i 60 anni di gare delle moto di Iwata. YART che peraltro è alla ricerca della prima vittoria assoluta nella 24h del Bol d’Or, chissà che la livrea celebrativa non porti fortuna alla squadra austriaca capitanata dal nostro Niccolò Canepa

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Yamaha Austria Racing Team (@yart.official)

Tanta Italia ed un piacevole ritorno


Il clan Italia nel Mondiale Endurance per questa gara si allarga: ai già presenti Rolfo, Canepa, Gamarino, Boscoscuro, Christian e Federico Napoli, Calia e Scassa, si aggiungono Lorenzo Zanetti, tester Ducati con il team ERC in sostituzione dell’infortunato Louis Rossi, Luca Vitali e Simone Saltarelli con Louit Moto33 insieme a Gamarino. Passa con Aviobike invece Federico Napoli dopo aver corso ad Estoril con TRT27. Torna nel Mondiale Endurance Anthony West con la Yamaha R1 di MACO Racing.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da LorenzoZanetti87 (@lorenzozanetti87)

Situazione di classifica EWC, Stock ed Indipendenti


Dopo Le Mans ed Estoril, la situazione di classifica attuale recita: WEBIKE SRC Kawasaki 87 punti, FCC TSR Honda France 82, BMW Motorrad 80, Yoshimura SERT 76, VRD IGOL 61. Curiosamente le prime tre in classifica ancora non hanno vinto nessuna delle due gare disputate, occupando invece gli altri due gradini del podio. Potenzialmente tutti hanno ancora possibilità di centrare il successo ed andare a Most per giocarsi il titolo. Nel costruttori invece è Yamaha a comandare con 80 punti davanti a Kawasaki con 76, terza BMW a 63, poi Honda e Suzuki.

Per quanto riguarda invece la classifica della Stock è Honda National Motos in testa con 100 punti, segue BMRT 3D Maxxess con 98, terza posizione a 58 punti Louit Moto33, con No Limits quarta a 56. Nel costruttori invece è Kawasaki a comandare con 110 punti, segue Yamaha con 84, terza Honda a 76 e quarta Suzuki con 72, staccatissima Aprilia a 13 punti. 

Nel trofeo riservato agli Indipendenti (i gommati Dunlop), VRD IGOL comanda con 59 punti, seguono a pari merito a 58 National Motos e BMRT 3D Maxxess, più staccata No Limits con 36 punti.

Un giro del tracciato del Paul Ricard


Direttamente dal canale YouTube del Mondiale Endurance un giro di pista del Paul Ricard

Niccolò Canepa rinnova con Yamaha per il 2022