EWC, Christian Napoli: “Motobox mi dà la sicurezza di fare tutta la stagione”

EWC, Christian Napoli: “Motobox mi dà la sicurezza di fare tutta la stagione”© Christian Napoli

Il pilota ligure parla in esclusiva ai nostri microfoni dopo la firma con Motobox Kremer Racing per la stagione 2023 del Mondiale Endurance

4 gennaio

Nel 2023 sarà rookie dell’EWC dopo una vita passata nella Superstock, ma la prospettiva di disputare tutta la stagione con un team storico come Motobox Kremer è di quelle da non farsi scappare. Stiamo parlando di Christian Napoli, pilota ligure, che farà il suo debutto nella top class del Mondiale Endurance con un team preparato e storico come quello tedesco.

Christian, ci spieghi come sei arrivato all’accordo con Motobox Kremer?

Con Energie91 è finita perché loro avevano problemi di budget e logistici e non mi davano sicurezza di partecipare a tutte le gare. Siccome le mie energie sono concentrate sul Mondiale Endurance, volevo un team che mi desse la sicurezza di fare tutta la stagione, un team permanente. Con Motobox parlavamo già da due anni di correre insieme e questa è stata l’occasione giusta per chiudere con loro il contratto.” 

Passi da Kawasaki a Yamaha…

Non mi dispiace affatto questo passaggio, in tutta la mia carriera nell’Endurance il mio unico podio l’ho fatto con Yamaha ad Estoril nel 2020 (durante il Covid) ed il team Aviobike di Giovanni Baggi che mi ha chiamato in quell’occasione perché Energie91 non poteva fare quella gara. Mi porta solo buoni ricordi Yamaha, la moto con la quale ho iniziato a fare la stagione completa dell’Endurance. La mia prima gara risale al Bol d’Or 2016 con No Limits e gli anni successivi ho corso con Aviobike.”

Sarà il tuo debutto in EWC…

A me le cose facili non piacciono, so che disputare l’EWC significa correre nella gabbia degli squali perché sono tutti team ufficiali delle case giapponesi. Sarà comunque il mio esordio nell’EWC con uno dei team più storici del Mondiale, quest’anno alla sua 23esima stagione. Hanno sempre fatto EWC e Suzuka, quindi stagione completa, sono un permanent team. In programma con loro c’è anche Suzuka.”

…E anche quello a Suzuka…

E’ da quando ho iniziato a fare l’Endurance che volevo disputare la 8h di Suzuka. E’ uno dei miei sogni che si realizza, anche se la stagione deve ancora iniziare e tutto può succedere. La cosa mi spaventa ma nello stesso tempo mi gasa un sacco perché penso sia la gara d’eccellenza dell’Endurance e quella più ambita da tutti i piloti.”

Significa fare tutte e quattro le gare invece di tre…

Prima del Covid c’erano solo due 24h poi le altre erano delle 8h, delle 12h…andavamo ad Oschersleben, Slovakiaring, Estoril, Most, Sepang…per abbattere i costi post Covid la Stock l’hanno fatta solo europea. Visto che faccio solo l’Endurance mi fa piacere fare una gara in più ed anche gli sponsor sono contenti.” 

Cosa ti aspetti dalla stagione?

Come squadra siamo una buona squadra, c’è un pilota che corre da 7 anni con loro e a breve ufficializzeranno un pilota tedesco dell’IDM. Penso si possa fare bene, storicamente Motobox ha sempre finito tutte le gare chiudendo in top 10 a fine stagione quasi sempre. L’Endurance è 50% moto e 50% ambiente nel box.

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi