Gare come sempre spettacolari quelle del National Trophy, andate in secena nel primo round del weekend sul tracciato di Imola.

National Trophy 1000


I piloti della prima fila (Salvadori, Ferroni e Ruiu nell’ordine) formano il gruppo di testa insieme con Lanzi (4° tempo) e Saltarelli. Quest'ultimo parte bene e anche in testa ma da metà gara in poi inizia una lenta ma inesorabile discesa  concludendo quindicesimo.

Gli altri quattro si alternano al comando, coi giovanissimi Ferroni e Ruiu che non hanno alcun timore reverenziale di gente come Lanzi e Salvadori.

La soluzione alla ultima Rivazza: Ruiu si presenta al comando ma viene ruvidamente infilato da Lorenzo Lanzi che va a vincere. Sulla semicurva che porta alla ultima chicane anche Salvadori passa Ruiu. Poi si scoprirà che il giovane romano non è stato troppo arrendevole, invece ha finito la benzina, tanto che anche Ferroni lo brucia sul filo.

Podio dunque con Lanzi, Salvadori e Ferroni. Quarto, appunto, Ruiu, ma bella gara per lui.
In campionato, ora, è primo Santoro (oggi quinto) con 67 punti, secondo Lanzi con 65 terzo Salvadori 56.

National Trophy 600


Passiamo alle 600, chiusa anticipatamente dalla bandiera rossa provocata dalla caduta di Pusceddu alla variante bassa, mentre stava faticando, in verità molto, a difendersi dagli attacchi di Armando Pontone che porta a casa la vittoria della quarta prova del National 600.

Il podio è stato deciso in base alle posizioni all’ottavo giro, l’ultimo prima della rosa. Insieme a Pontone, sul podio vanno Michele Magnoni e Roberto Farinelli.
In campionato comanda ora l’odierno vincitore Pontone con 67 punti, secondo Farinelli (61), terzo Andrea Bolognesi (48), poi Magnoni (45) e Pusceddu (44).

CIV Imola, SBK: Savadori vince, Pirro si arrende