Nonostante il campionato già deciso con Pedro Acosta laureatosi campione nel precedente round al Ricardo Tormo di Valencia, le ultime due gare dell'anno per quel che riguarda la classe propedeutica al mondiale Moto3, sono state estremamente combattute e ricche di sorpassi nelle posizioni di vertice. 

Gara 1: Munoz vince in volata, Alonso out


La gara del sabato inizia con un colpo di scena: Dani Holgado cade nei primi giri coinvolgendo il campione Pedro Acosta, che riesce a ripartire nonostante il grande ritardo e chiude quattordicesimo. La vittoria va a David Munoz, che dopo una lotta che ha coinvolto ben nove piloti riesce ad avere la meglio in volata precedendo Ortolà e Salvador.

Quarto Uriarte, poi Aji, Veijer, Escrig, Millan e Van De Goorbergh racchiusi in appena un secondo e mezzo. Ancora uno zero per David Alonso, che cade all'ultima curva coinvolgendo il campione del Mondo Junior Moto3 Izan Guevara.

Gara 2: Munoz fa il bis e diventa vicecampione


L'ultima manche della stagione si trasforma ben presto in una gara di gruppo con addirittura dodici piloti in lotta per la leadership. La vittoria, ancora una volta in volata, va a David Munoz davanti a Holgado e ad Acosta. Il 14enne spagnolo, grazie ad un fine settimana perfetto, agguanta anche la seconda posizione in classifica approfittando dell'ennesimo "zero di Alonso, coinvolto in un incidente all'ultimo giro con un altro pilota.

Da segnalare anche ben due motori rotti, che hanno messo fuori gioco David Salvador e Daniel Munoz. L'annata si chiude quindi con Acosta campione davanti a David Munoz - a pari punti con Ivan Ortolà - e David Alonso, mentre non hanno purtroppo preso parte al fine settimana gli italiani Luca Lunetta e Matteo Bertelle, venuti a contatti con un positivo al Covid-19. 

MotoGP, da Jerez a Valencia: così Mir è diventato Re M1R