Nei mesi scorsi in tanto si sono chiesti quale sarebbe stato il futuro di due giovani talenti italiani come Nicholas Spinelli e Kevin Zannoni, alle prese con più di una difficoltà nel trovare una sella per il 2021 nonostante i titoli (due per parte) conquistati nelle ultime stagioni nel CIV Moto3. Per il romagnolo la chiamata è arrivata dal team LCR, per disputare il campionato MotoE, mentre l’abruzzese sarà parte di un nuovo ed intrigante progetto marchiato Ducati e Barni.

Spinelli infatti  sarà il portacolori del team di Marco Barnabò nel National Trophy 600, e contribuirà allO sviluppo della Ducati Panigale V2 955, che nel 2022 sarà con grande probabilità una delle nuove moto presenti nella griglia del mondiale Supersport.

Spinelli: “Una grande opportunità, da gestire con calma”


“Sono molto contento di aver firmato con il team Barni - racconta Nicholas - dato che per me è una grande possibilità di crescita. Voglio gestire la situazione con calma: il passaggio dalla Moto3 ad una moto da quasi 1000cc è un bel salto. Dovrò adattare lo stile di guida e cercare di far crescere la moto. L’obiettivo in questo primo anno è fare esperienza, raccogliere dati ed essere pronti in caso ci fosse la possibilità di correre nel Mondiale Supersport 2022”.

Conferma dunque la voglia di investire nei giovani Marco Barnabò, pronto ad iniziare una nuova avventura dal sapore molto interessante.

“La Supersport è da sempre una categoria cruciale per formare piloti in grado di competere ad alti livelli in Superbike, per questo motivo siamo contenti che Dorna e FIM stiano lavorando all’evoluzione dei regolamenti Supersport, incoraggiando così costruttori come Ducati a rientrare in questa categoria. Come abbiamo già fatto con tutti i nuovi modelli di Ducati - spiega il team principal - partiamo con lo sviluppo con un anno di anticipo, per farci trovare pronti. Abbiamo scelto Spinelli perché è un talento di prospettiva, ma che ha già dimostrato il suo valore vincendo due campionati italiani. L’obiettivo è fare questo percorso insieme per arrivare a schierarlo nel WorldSSP 2022”.

La seconda Panigale 955 in pista sarà quella di Manuel Bastianelli, che sarà però schierato dal team Schacht, struttura satellite di Barni impegnata anche nel National Trophy 1000 con Alex Schacht. “Sono molto felice anche di poter dare ancora il mio sostegno al team Schacht - conclude Barnabò - che come noi ha deciso di schierare una Panigale V2 con Manuel Bastianelli, un altro talento che teniamo d’occhio”.

Il National Trophy si rinnova per il 2021, fissando un limite per età e velocità