Uno dei temi di maggior risalto di questa off-season riguarda il ritiro dal mondo delle competizioni motociclistiche da parte di Sharni Pinfold. Un episodio che ha visto pareri fortemente discordanti sul web e che ha portato anche la FIM a prendere provvedimenti.

L'opinione di Roberta


Anche Roberta Ponziani, tra le grandi protagoniste della Women's European Cup e plurivincitrice della Yamaha R3 Cup nel contesto della Coppa Italia, ci ha detto la sua opinione a proposito del polemico ed inaspettato addio alle corse dell'australiana, raccontandoci la sua esperienza personale.

Personalmente non sono mai stata vittima di discriminazione o sessismo durante i weekend di gara. Tuttavia, è un ambiente quasi totalmente maschile ed è possibile che le sia accaduto un episodio del genere, magari quando non correva in Italia. Anche quando correvo contro i maschi nella Coppa Italia non ho mai avuto questi problemi né con gli avversari, né con team manager e meccanici. Al massimo, alcuni piloti risultavano infastiditi quando gli arrivavo davanti...”

Promesse italiane: Josephine Bruno, la Thomas Brianti dal tocco rosa

Obiettivo chiaro per il 2021


Pensando invece all'imminente stagione 2021, Roberta affronterà un cambiamento importante passando dalla Yamaha R3 alla Kawasaki Ninja 400 del team ProDina, che ha già potuto provare negli scorsi giorni seppur in condizioni non ottimali. La ragazza, tra le protagoniste dello scorso anno, sarà nuovamente al via del campionato europeo femminile.

In un certo senso è stato un salto nel buio, perchè ho firmato il contratto prima di provare la moto, ma la Kawasaki è potente e correrò in un'ottima squadra, perciò sono fiduciosa. Ho già avuto modo di provarla ad Ortona e, nonostante le basse temperature, mi sono trovata immediatamente a mio agio. Quest'anno punto a vincere senza mezzi termini”.

ELF CIV: Livio Loi prosegue in SSP600 con Renzi Corse