Red Bull Rookies Cup: le gare pazze di Jerez premiano Munoz e Holgado

Red Bull Rookies Cup: le gare pazze di Jerez premiano Munoz e Holgado© Red Bull Rookies Cup

Il monomarca KTM non ha deluso le aspettative in questo secondo round stagionale, con due manche ricche di colpi di scena e valori in campo stravolti rispetto allo scorso appuntamento di Portimao

Dopo un primo fine settimana a Portimao in cui David Alonso è parso il pilota più in forma della griglia, il secondo round della Red Bull Rookies Cup 2021, svoltosi questo weekend sul tracciato di Jerez de la Frontera, ha rimescolato le carte evidenziando come i valori in campo siano più incerti che mai.

Gara 1: David Munoz vince in volata


La prima manche, andata in scena il sabato pomeriggio, è iniziata in maniera tragicomica. A causa di un malfunzionamento del semaforo, infatti, Bartholome Perrin è scattato dalla propria casella di partenza con diversi secondi d'anticipo, con la gara che è stata poi interrotta con la bandiera rossa ed accorciata a dieci giri.

Alla ripartenza, il leitmotiv della contesa è stato quello a cui ci ha abituato il monomarca KTM, con un gruppo compatto di piloti in grado di lottare per la vittoria ed un epilogo incerto fino alla bandiera a scacchi. A conquistare la vittoria è stato David Munoz, in volata su Ivan Ortolà ed il brasiliano Diogo Moreira. Grande disappunto per Dani Holgado, uscito in prima piazza dall'ultima curva ma solo quarto a fine gara. Bertelle il migliore degli italiani, undicesimo, con Lunetta 14°, Farioli 16° e Mihaila 20°.

MotoE GP Spagna: Zaccone vince di forza, Ferrari da ultimo a sesto

Gara 2: la pioggia di penalità premia Holgado


La corsa della domenica pomeriggio è partita in maniera lineare, ma non è stata avara di colpi di scena. Se in Gara 1 Dani Holgado è stato beffato negli ultimi metri perdendo il podio, in questa seconda manche si è preso la propria rivincita andando a vincere una gara rocambolesca e ricca di penalità.

Nella consueta battaglia di gruppo, infatti, sono stati tanti i piloti che hanno messo le proprie ruote al di là del cordolo, incappando in numerosi long lap penalty. Tra i piloti di testa, infatti, Diogo Moreira e Alex Millan hanno dovuto scontare la penalità lasciando il via libera per la vittoria al pilota spagnolo, chiudendo comunque, rispettivamente, in seconda e terza posizione. Discorso analogo per Alonso e Munoz, che non hanno però effettuato il giro più lungo e hanno così subìto una penalizzazione post gara di tre secondi, finendo in settima e ottava piazza.

A guadagnare da tutte le penalità è stato l'italiano Matteo Bertelle, che ha chiuso Gara 2 con un ottimo quarto posto. Fuori dai punti, invece, gli altri italiani: Mihaila è 16°, Lunetta 19°, out Filippo Farioli. Un weekend non semplice per gli “azzurri”, che proveranno a rifarsi nel prossimo round su un tracciato a loro ben noto come quello del Mugello.

MotoGP, festa Ducati in Spagna: Miller vince, Bagnaia 2° e leader del Mondiale

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi