National Trophy: Salvadori e Castellini vincono in un infuocato Mugello

National Trophy: Salvadori e Castellini vincono in un infuocato Mugello© Giorgio Panacci

I due piloti impegnati nel trofeo organizzato dal MotoClub Spoleto hanno ottenuto il primo successo stagionale, nelle classi 1000 e 600

È stato un weekend caldissimo, dentro e fuori la pista, quello affrontato dal National Trophy 2022 sul circuito del Mugello. Infatti, i piloti impegnati nel campionato voluto dal MotoClub Spoleto si sono ritrovati a gestire le elevate temperature offerte dal circuito toscano, teatro del terzo appuntamento stagionale dopo Misano e Vallelunga, svolto sempre nel contesto CIV.

Condizioni che hanno esaltato la guida di Nicolò Castellini e Luca Salvadori, vincitori rispettivamente delle classi 600 e 1000 in cui la competizione si divide.

Sono stati 10 giri infuocati quelli affrontati della classe 600 sul saliscendi toscano, in cui a trionfare è stato il pilota del team King Racing, al suo primo successo stagionale.

Una vittoria che Castellini ha costruito lottando giro dopo giro contro tre ossi duri della categoria come Roberto Farinelli, Andrea Tucci e Marco Marcheluzzo, giunti al traguardo in quest’ordine e tutti costretti ad arrendersi alla supremazia mostrata dal pilota identificato con il numero 47.

Nicolò ha letteralmente dominato il weekend, al termine del quale ha portato a casa anche la pole position e il giro più veloce in gara. “Dopo le delusioni di Misano e Vallelunga, grazie a questo successo mi sono tolto più di un sassolino dalla scarpa – ha raccontato Castellini al termine della corsa – pole, giro veloce e vittoria sono un bottino che rende giustizia a quanto ho dimostrato in tutto il fine settimana”. Battere un mastino come Farinelli non è stato affatto semplice: “Roberto andava fortissimo, ha provato in tutti i modi a battermi, ma senza riuscirci, fortunatamente”.

Il trionfo di Salvadori tra le 1000


Due bandiere rosse e tre ripartenze hanno condizionato la gara della classe 1000, entrambe causate da due cadute che hanno richiesto il tempestivo intervento della Direzione Gara. Come nella 600, a spuntarla è stato il poleman, in questo caso corrispondente al nome di Luca Salvadori. L’alfiere Broncos Racing è stato il più bravo a interpretare la gara sprint scaturita dopo il terzo restart, composta da 7 giri che hanno visto i piloti combattere con il coltello tra i denti. Salvadori ha preceduto l’ottimo Gabriele Giannini, veloce e aggressivo nonostante un infortunio a una mano, battuto in volata per 51 millesimi.

Ottima terza posizione per Simone Saltarelli, reduce dalla 24 Ore di Spa e autore di tre podi nelle ultime due tappe del National Trophy, davanti a Fabrizio Perotti, mentre è Riccardo Russo il deluso di giornata. Il pilota campano, scattato dalla seconda casella, ha accusato un problema al via che lo ha costretto a rimontare dall’ultimo al nono posto.

Il leader della classifica generale tra le 1000 rimane sempre Christian Gamarino, quinto in Toscana, con 71 punti totali, solo uno in più dell’inossidabile Saltarelli.

Orari TV MotoGP Olanda: gare in diretta su Sky e Now, differite su TV8

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi