“Arrivo ad Imola in un periodo difficile ma verrò con la voglia di lottare e fare il massimo!!”: lo ha scritto Marco Melandri poco fa su twitter. Il pilota dell’Aprilia aspetta la gara italiana per interrompere una serie di risultati abbastanza deludenti. Non vince da luglio 2013, gara 1 a Mosca.  Ma allora era in BMW. Da quando è salito sull’Aprilia è riuscito a salire sul podio in due occasioni, ma nelle restanti quattro corse disputate in questa stagione ha faticato. Eppure la RSV nelle mani del compagno di squadra Sylvain Guintoli ha già vinto due volte. A Imola Melandri farà di tutto per tornare sul gradino più alto del podio, anche se il tracciato del Santerno non è mai stato troppo favorevole né per l’Aprilia, né per il pilota di Ravenna. I migliori risultati di Melandri su questa pista sono stati i due quarti posti dello scorso anno, posizioni raggiunte tra grandi difficoltà con la BMW. Ma anche ai tempi della Yamaha le cose non sono andate bene. L’Aprilia, invece, ha ottenuto i migliori risultati a Imola con Biaggi e Simoncelli nel 2009. Poi ha sempre faticato. Ma lo scorso anno sia Guintoli sia Laverty sono andati a podio, segno che la RSV4, finalmente, sta iniziando a digerire il circuto emiliano. “Mi sento molto più motivato per Imola” ha scritto ancora sul social network Melandri. Di sicuro ce la metterà tutta: deve riscattare una stagione iniziata male e fare bella figura davanti al pubblico dei suoi connazionali (in senso stretto: Imola è proprio al confine tra l’Emilia e la Romagna, terra di origine di Marco).