A differenza degli altri piloti del mondiale Superbike, dopo il round di Laguna Seca sia Jonathan Rea che Leon Haslam non si sono fermati. Al contrario: hanno affrontato un impegno ancora più duro,  la 8 Ore di Suzuka, tappa del Mondiale Endurance alla quale le Case giapponesi tengono moltissimo (leggi qui). Per quanto riguarda il mondiale Superbike, con  64 punti di ritardo dalla vetta, Rea si trova attualmente al terzo posto in classifica e, benché decisamente distante da Sykes, il pilota nordirlandese si trova a sole 20 lunghezze dal secondo classificato. “L’anno scorso ho dovuto saltare l’appuntamento di Jerez causa infortunio - ricorda Rea - ma sono comunque riuscito a girarci durante i test. Ho visto la pista, per la prima volta, nel 2003, quando provai una Honda 125. E’ un tracciato che mi piace molto ed i dati a nostra disposizione non mancano. Non è semplice trovare il bandolo della matassa qui, ma la CBR è migliorata molto rispetto al nostro ultimo test qui, quindi non vedo l’ora che arrivi il fine settimana”. E c’è una novità tecnica. “Abbiamo un nuovo motore da provare questo fine settimana. Siamo finiti a podio nell’ultimo round, su una pista a me sconosciuta (leggi QUI) quindi puntiamo a mantenere questo stato di forma” Galvanizzato dal secondo successo di fila nella gara di durata giapponese, Leon Haslam spera di continuare il buon momento di forma e di riuscire finalmente a stare con i primi, per giocarsi il podio a Jerez.