Marco Melandri è sempre più incerto sul suo futuro. “Non chiudere occhio perché si ha dei pensieri in testa mi fa proprio incazzare!!! Qualcuno sa come si spegne il cervello???”: questo il twitt scritto qualche giorno fa. L’Aprilia ha spostato armi e bagagli (cioè investimenti e uomini) verso la MotoGP (leggi QUI) e non si sa ancora se e come manterrà una presenza in Superbike. Dunque, che farà Melandri, che ha iniziato la stagione con qualche difficoltà, per poi finire in crescendo (leggi QUI)? Nel campo delle ipotesi si fa largo la Ducati. Una Rossa potrebbe interessare a Marco Melandri, che vuole restare in Superbike ed è alla ricerca di un mezzo valido per la prossima stagione. La sua posizione in Aprilia, alla vigilia della gara del Qatar è quanto meno singolare: non ha avuto conferme di alcun tipo da parte della Casa di Noale, neppure sulla strategia da tenere nella sfida decisiva. In compenso, Marco ha avuto un incontro con Fausto Gresini per parlare dell’eventuale posto in MotoGP nella prossima stagione all’interno del team con il quale ha già corso con la Honda. Insomma, la situazione è confusa, visto che da Noale arrivano notizie poco confortanti. La RSV4 in configurazione “regolamento 2015” non sembra ancora pronta, per questo Melandri ha sondato anche la disponibilità della Ducati ad affidargli una moto. Ovviamente un team non si può allestire in pochi mesi, soprattutto senza una copertura finanziaria; pertanto diventa prezioso l’aiuto economico di Dorna per poter mettere in piedi l’operazione. Tramontata, anzi, mai vista, invece, l’ipotesi Yamaha: la nuova R1 correrà in forma sperimentale il prossimo anno, ma solo nei campionati nazionali, per fare esperienza. E Melandri rischia di rimanere a piedi; strano destino per il dominatore della fase finale della stagione...