Si conclude molto bene il Venerdì di prove cronometrate per il team ufficiale SBK di Aprilia, sul circuito australiano di Phillip Island.

Con queste premesse il Mondiale Superbike sembra partire con il piede giusto e l'obbiettivo di difendere il doppio titolo iridato 2014 (Piloti e Costruttori) ancora più concreto.
“E' solo il primo giorno di prove della prima gara di una stagione che sarà lunghissima ma sì, siamo partiti col piede giusto. Sono molto contento della moto e dei due piloti”.
così Romano Albesiano, Responsabile del team Aprilia Racing, riassume queste primo giorno di prove contro il tempo. In sella alle due RSV 4 RF i piloti Jordi Torres e Leon Haslam hanno fatto davvero un bel lavoro: le sessioni si concludono infatti con lo spagnolo al secondo posto e il britannico al quarto. Un miglioramento graduale, durante la giornata, che ha visto addirittura nel turno pomeridiano di prove Torres al primo posto subito seguito da Haslam. Il focus delle prove però, per l'Aprilia Racing-Red Devils, non era tanto la classifica quanto la messa a punto e il perfezionamento dei due bolidi, in vista della Superpole di Sabato e della gara di Domenica. Davvero contento per questo ottimo debutto Jordi Torres, che cerca comunque di restare con i piedi per terra perché la stagione è ancora lunga:
“Era difficile partire meglio! E’ sicuramente merito di Aprilia, della moto che qui lavora davvero bene e del grande feeling con i ragazzi del team. Mi risulta facile imparare, anche se mi rimangono ancora tante cose da migliorare. Bisogna anche dire che questa pista si adatta bene al mio stile di guida, bisogna mantenere la linea con il gas, essere veloci a centro curva e non ci sono staccate violente. Magari in una pista più “stop-and-go” potrebbero cambiare i valori in campo. Comunque mi godo il momento, specialmente perché abbiamo lavorato bene anche sull’usura delle gomme. Con le temperature alte di questo pomeriggio è fondamentale preservare le gomme, lo slittamento ti fa perdere non solo in percorrenza ma anche in uscita e in velocità. Domani continueremo a provare, non vedo l’ora di affrontare la mia prima Superpole”.
Più cauto ma comunque positivo e concentratissimo sulla messa a punto della moto il britannico Leon Haslam che commenta così queste prove iniziali:
Un buon debutto per noi in questa prima giornata. Oggi abbiamo provato molte diverse configurazioni, trovando qualche buona soluzione. Sul finale sono scivolato alla curva 10, un piccolo errore. Ci siamo concentrati anche sulle due opzioni di gomma posteriore disponibile, sul loro comportamento al variare delle temperature e sull’usura in ottica gara, arrivando ad un buon punto del setup. Guardando alle gare di domenica penso che l’asfalto più caldo possa aiutare la mia Aprilia , la sua erogazione potrebbe facilitarmi le cose. Provare a fondo e lavorare sul “fine tuning” sono i segreti in questa pista, ed è su questo che ci concentreremo anche domani”.
Giulia Cassinelli [gallery ids="29490,29491"]