L’Aprilia Racing Team ha raggiunto Donington Park, dove questo fine settimana affronterà il sesto round del Mondiale Superbike 2015. Si tratta della gara di casa per Leon Haslam, il quale vive ad appena dieci minuti dal tracciato. L’ex vice-campione della competizione vanta un’esperienza enorme su questa pista sebbene, almeno in Superbike, non sia ancora salito sul gradino più alto del podio. Il figlio d’arte ci riuscì però, nel 2007, nel British Superbike, in sella alla Ducati del team GSE/Airwaves, conquistando la doppietta. “Non vedo l’ora di affrontare Donington”, ha detto Haslam, “è la mia gara di casa e l’unica possibilità di correre davanti ai miei fans. E’ anche una pista che conosco molto bene, penso che possa adattarsi alla mia Aprilia. Devo aspettare di vedere le evoluzioni del mio infortunio ma sono fiducioso, non dovrebbe essere un problema. I ragazzi del team stanno lavorando sodo per migliorare la moto, sono davvero curioso di testare le novità”. Nuovo tracciato, per la seconda volta di fila, per Jordi Torres. Il pilota catalano, dopo il primo podio in stagione di Imola, è ansioso di mettere alla prova il suo talento anche sull’impegnativa pista inglese. “Sono molto motivato dopo il podio di Imola”, ha detto Torres, “vogliamo confermarci nelle prime posizioni. Donington Park è un circuito nuovo per me, ma è molto diverso da Imola. Le prime due parti sembrano adatte a noi, sia per la RSV4 RF che per la mia guida, mentre l’ultimo tratto è dove dobbiamo continuare a crescere: curve strette e brusche frenate. "Sono consapevole del fatto che giocare a casa degli inglesi sarà dura, dobbiamo dare il massimo perché sono sempre molto veloci. Per prepararmi al nuovo circuito vedo ancora un sacco di video e gioco ai simulatori, per rendere l'apprendimento più breve possibile”. Fiammetta La Guidara