Che gara la prima manche a Portimao! La lotta per la vittoria è stata ristretta ai "soliti noti": i due alfieri Kawasaki Jonathan Rea e Tom Sykes, ma i colpi di scena non sono mancati, anche per via alla pioggia, che a cinque giri dalla fine ha scatenato il waltzer del cambio gomme ai box. Rea e Sykes si sono confermati entrambi come appartenenti alla specie dei "fenomeni": Rea per la partenza incredibile dall'ottava posizione, che ho la visto quarto alla prima curva, e Sykes per quel giro in più che ha fatto sul bagnato con le gomme slick prima di rientrare a montare le rain. All'ultimo giro un problema elettronico ha impedito a Tom Sykes di lottare con il compagno di squadra per il gradino più alto del podio: Sykes infatti ha rischiato per due volte di essere disarcionato e ha dato un paio di pugni sul cupolino per manifestare il suo disappunto, ma è riuscito a salvare la seconda piazza dagli attacchi di Chaz Davies, terzo davanti a Davide Giugliano. Quinta piazza per il campione del mondo in carica Sylvain Guintoli davanti a Matteo Baiocco e Ayrton Badovini. Per Rea festeggiamenti con la maglietta del Barcellona, la sua squadra del cuore, che ieri sera ha vinto contro la Juventus. "Ho fatto una gran partenza e poi ho creato un po' di gap e ho trovato il mio ritmo. Sull'asciutto stavo solo aspettando, invece sul bagnato Tom era velocissimo. ma quando ho capito come si comportava la Kawasaki con le rain sono riuscito a sorpassarlo". spiega Rea. "Non eravamo al massimo, abbiamo avuto due problemi tecnici, non so cosa sia, bisognerà capire", ha detto Tom Sykes. "Avevo un buon feeling sulla moto, ma all'ultimo giro ho avuto questo problema a 9000 giri, ho po' l'ho sistemato ma è stato veramente frustrate abbandonare la lotta per la vittoria. Ma ora dobbiamo cercare di dare il massimo nella seconda manche". "E' stata una gara pazzesca, le condizioni sono cambiate moltissimo, il vento è molto forte", ha detto Chaz Davies. "Sull'asciutto in particolare sono andato molto bene, ero dietro a Johnny e Tom, ma non sono riuscito a recuperare il gap. Sono contento per il podio". Ma andiamo con ordine! Al pronti via Tom Sykes scatta come una fionda dalla seconda posizione in griglia e balza subito al comando. Giugliano nelle prime curve è secondo e precede il compagno di squadra Chaz Davies e Jonathan Rea autore di una partenza spettacolare dall'ottava posizione. Entrambi riescono a passare il romano sulla Ducati, che sul rettilineo del traguardo alla chiusura del primo passaggio deve cedere la posizione anche a Leon Haslam. Intanto Rea passa anche Chaz Davies e si piazza alle spalle di Sykes. Giugliano intanto perde posizioni e al secondo passaggio è nono alle spalle di Baiocco. Quando mancano dieci giri alla fine Leon Haslam sorpassa Davies e inizia la lotta fra loro. A 8 giri dalla fine comincia a cadere qualche goccia di pioggia. Il primo a uscire di traiettoria è Haslam che precedeva Davies. A cinque giri dalla fine inizia il cambio gomme. Sykes fa un giro in più con la gomma da asciutto e nonostante questo riesce a mantenersi al comando. Una lunga scivolata mette fuori scena Haslam. A tre giri dalla fine Rea sorpassa Sykes. La risposta di Sykes arriva alla staccata in fondo al rettilineo. Ma poi il problema elettronico rallenta vistosamente Sykes che deve accontentarsi della seconda posizione. Fiammetta La Guidara Qui la classifica di gara1 a Portimao. Guarda la gallery della Superbike a Portimao!