Gara 2 a Misano si è chiusa con la vittoria di Jonathan Rea davanti a Davide Giugliano e Leon Haslam, con Max Biaggi sesto (leggi qui com'è andata). Ecco le interviste ai protagonisti. "Purtroppo è difficile fare una gara in rimonta perché tutti vanno forte", ha detto Max Biaggi appena sceso dalla moto. "L'abitudine nel corpo a corpo serve. Ho provato il sorpasso un paio di volte, ma Torres è abbastanza veloce. Forse un giro in più e avrei passato Sykes. Non ho fatto mai un errore, mai una scivolata, forse avevo margine. Ma questo non lo scoprireremo. Questa doveva essere una festa, e lo abbiamo dimostrato con tutti questi collegamenti, era un esperimento, è andato molto bene e forse poteva andare anche meglio con un po' più di determinazione». «Avevamo fatto un errore con la gomma in gara1, e in questa manche volevo chiudere davanti a tutti", dice senza mezzi termini Jonathan Rea. "Mi dispiace per l'attacco aggressivo a Haslam, ma dovevo passarlo. Poi ho visto che Sykes ha avuto un problema, non so se di temperatura. Max (Biaggi, ndr) è uno dei miei idoli, sono molto contento di vederlo, però Max stai a casa adesso perché sei troppo veloce!" aggiunge Rea scherzando. "Sul finale sono un po' crollato fisicamente, un po' sofferto con la gomma dietro", dice Davide Giugliano. "Peccato per stamattina ma questo secondo posto è veramente bello, è molto vicino alla vittoria, che si avvicina". "Sono molto contento, dopo gara1 mi sono reso conto che ero veramente veloce", spiega Leon Haslam. "Ho perso un po' di tempo nei primi giri ma poi ho cercato di rimontare. Sono contentissimo per l'Aprilia e non vedo l'ora di fare gare come queste anche sui prossimi circuiti". Fiammetta La Guidara