La gara numero 200 in Superbike per Leon Haslam, Gara2 a Laguna, verrà ricordata per la spettacolare e corretta battaglia tra il pilota inglese ed il compagno di squadra Jordi Torres. A spuntarla sotto la bandiera a scacchi è stato proprio il rookie spagnolo, al suo debutto sulla difficile pista californiana, che ha così raccolto un incoraggiante quarto posto. In Gara1 Leon, che scattava dalla seconda fila, non ha trovato il guizzo migliore in partenza e ha dovuto lottare per recuperare posizioni. Complice lo scarso grip, il pilota inglese è incappato in una scivolata nella quale la sua RSV4 ha riportato danni anche alla leva del cambio. A quel punto Leon si è dovuto accontentare del tredicesimo posto finale. "Purtroppo in Gara1 abbiamo sofferto, faticavo a tenere il ritmo e dopo la scivolata ho solo pensato a finire la gara, visti anche i danni riportati dalla mia moto", ha detto Leon Haslam. "Abbiamo fatto un grande passo in avanti per Gara2, ho guidato molto meglio specialmente nelle prime fasi di gara. Poi il nostro ritmo è calato e mi dispiace, perché so che il potenziale della moto era più alto. Il problema più grande è stata la costanza, oltre a qualche difficoltà da parte mia in un paio di curve. "Ora valuteremo le ulteriori modifiche da adottare in Malesia, un circuito dove possiamo essere molto competitivi”, conclude Haslam.