A Sepang Chaz Davies si è dimostrato, a Sepang, uno dei piloti più in forma della seconda parte di stagione del mondiale Superbike, conquistando nelle due gare malesi un secondo ed un primo posto, che permettono all’iridato 2011 del Mondiale Supersport di salire in seconda posizione nella classifica piloti, scavalcando Tom Sykes. Nonostante una qualifica meno esaltante di quanto sperato, il solo alfiere ufficiale Ducati nel decimo round, vista la fine anticipata della stagione di Giugliano e la sua non sostituzione per la trasferta oltre oceano, Davies è stato autore di due ottime partenze, giocandosi i successi di entrambe le corse con il capo classifica Jonathan Rea. “La prima manche è andata molto bene” ha ammesso Davies, “soprattutto considerando dove eravamo al termine delle qualifiche, quando pensavo che chiudere nei primi sei sarebbe stato il miglior risultato possibile. Abbiamo apportato delle modifiche alla moto fra sabato e domenica. Cambiamenti che ci hanno dato la possibilità di lottare per la vittoria, anche se ci manca ancora qualcosa negli ultimi giri, per quanto riguarda la combinazione di grip ed elettronica”. Dopo il successo sfiorato di gara 1, Davies sembrava in grado di vincere la seconda mache, ma ha visto il suo distacco su Rea ridursi drammaticamente negli ultimi due giri. Sopravanzato dal connazionale alla penultima curva, il britannico non si è arreso, infilandolo all’interno, con tanto di contatto, all’ultima staccata e precedendolo di soli 91 millesimi alla bandiera a scacchi. Un risultato, questo, che ha negato al capo classifica la certezza matematica del titolo. “In gara 2 ho visto che Johnny si avvicinava ma negli ultimi due giri c’è stato un calo ed ho dovuto stringere i denti e difendermi", dice Davies. "E’ stata una lotta fino alla fine, ed all’ultima curva io e Rea siamo venuti a contatto. Sono molto contento dei risultati di domenica, ottenuti su una delle piste più ostiche per noi. Questo dimostra che abbiamo fatto tanti progressi durante la stagione. Sono anche felice di essere secondo nella classifica, avendo guadagnato parecchi punti su Sykes”. Per Davies si tratta del quarto successo in stagione e forse quello più sudato della sua carriera nel mondiale Superbike, che porta ad otto il computo delle vittorie sino ad ora in carriera nella competizione, le stesse del due volte iridato Fred Merkel e di Anthony Gobert.