"Per quanto riguarda la Superbike sono molto contento di aver capito i meccanismi che ci potranno permettere di andare migliorare sempre più, e questo non è stato facile perché veniamo da esperienze bicilindriche, avendo avuto la Ducati per molti anni", con queste parole Genesio Bevilacqua, patròn del team Althea impegnato in Superbike e Superstock, esprime il suo orgoglio per i risultati ottenuti finora.

Gara2 a Misano si era conclusa per Markus Reiterberger con una frattura da compressione alla vertebra D12 e il tedesco è successivamente tornato in Germania per fare un ulteriore aggiornamento. Delle sue condizioni Genesio Bevilacqua ha parlato con WorldSBK.com: “Con Markus ci sentiamo quasi tutti i giorni e chiaramente ha avuto un trauma abbastanza forte. Le notizie le avevamo già avute dal centro medico di Misano e ulteriori accertamenti hanno riscontrato forse un’altra piccola frattura ad un’altra vertebra, una diagnosi leggermente diversa ma i tempi di recupero, complessivamente, rimangono gli stessi più o meno. Siamo sempre in contatto con lo staff medico e sembra che non ci siano ulteriori sorprese. Dovrebbe quindi rientrare in occasione del suo round di casa, al Lausitzring”. 

Nel nono round a Laguna Seca il posto del tedesco sarà preso da Raffaele De Rosa, pilota dello stesso team impegnato nella Superstock 1000:

“È stata la scelta più naturale e normale che avremmo potuto pensare", spiega Genesio. "È un ragazzo molto veloce e lo sta dimostrando dal 2016. Ha fatto tanti podi e con questa moto ha avuto un approccio molto buono, ha vinto due gare ed è primo in campionato. È un ragazzo molto motivato e ha molta esperienza, pur non avendo mai corso a Laguna Seca non vedo nel panorama attuale nessun altro che avrebbe potuto fare questo tipo di sostituzione. Inoltre a me personalmente fa molto piacere dare una chance a Raffaele, sono molto curioso di verificare qual è il suo potenziale. Chiaramente non si può vedere tutto da un week end, ma è comunque una possibilità per vederlo su un mezzo un po’ più performante”.

La coppia composta da Torres e De Rosa è pronta per raggiungere il tracciato di Laguna Seca.

Con Jordi Torres sappiamo quello che dobbiamo mettere in campo per avere la migliore prestazione proporzionalmente a quella che è la progressione che abbiamo fatto fino ad adesso con lui. Di gara in gara miglioriamo sempre e speriamo di arrivare in zona podio, questo è ormai il nostro obiettivo principale.", ha detto Bevilacqua.

"Per quanto riguarda Raffaele De Rosa non è un’incognita, è una bella prova per tutti e due, sia per il team sia per il pilota, però mi aspetterei una buona performance visto che non è un ragazzino. È uno che il gas lo dà sempre e ha molta esperienza .Soprattutto ha una confidenza molto molto buona con la moto e quindi mi aspetto che possa fare due belle gare e poi vediamo dopo Laguna Seca se le nostre aspettative, e le sue, saranno state ripagate”.

Il pilota napoletano aveva svolto un test sul circuito di Misano, dopo l’ottavo round, proprio sulla BMW che guiderà sulla pista californiana: “Era andata molto bene perché bisogna tenere conto che era la prima volta in assoluto che teneva in mano una Superbike a questo livello. Ha girato con tempi discreti e buoni, sull’1’ 35 con qualche decimo di distanza dal suo compagno di squadra. Ha avuto un approccio molto diretto. Ha perso molto tempo nella messa a punto per le sue caratteristiche di guida e per la misura del suo corpo, ma successivamente è sempre andato in progressione ed  è stato un test super positivo”, ha commentato Genesio.

"Con BMW abbiamo fatto un lavoro dalla loro ultima apparizione, nel 2013, e quindi qualche meccanismo bisognava riattivarlo, il gruppo andava creato, formato e informato", ha detto ancora Genesio Bevilacqua. "Credo che oggi siamo in grado di poter dire che disponiamo di un mezzo un po’ più conosciuto, tutto è più facile. Oggi ci possiamo concentrare e cercare il risultato. Il primo passo è stato aver pagato un po’ di mesi di esperienza, adesso possiamo guardare al futuro con un po’ di fiducia.

"Nel complesso abbiamo un pilota che è settimo in campionato – Torres – abbiamo avuto qualche inconveniente, qualche caduta di troppo senza la quale avremmo potuto fare meglio. Per quanto riguarda la Superstock 1000 ci aspettavamo un pilota così bravo e così forte, e anche la moto così performante, e ha degli avversari molto tosti, a partire da Mercado e tutti gli altri che sono sempre in zona podio. Il livello della competizione non è mai stato così alto, è forse l’anno in cui si vede una Superstock molto vicina alle prestazioni della Superbike e questo lascia intravedere un futuro un po’ più vicino alla Superbike. Quindi la prestazione di De Rosa rispecchia ampiamente la scelta che poi abbiamo fatto per la sostituzione di Markus a Laguna Seca”.