Incoronato recentemente campione del mondo della Superbike per la seconda volta, Jonathan Rea è tornato in Australia con la sua famiglia questa settimana. Uscito con i suoi amici di Phillip Island per un giro in biciclettta, ha fatto un giro nel famoso circuito dei Gran Premio, il che lo ha portato davanti al sindaco Pamela Rothfield, e ad una sorpresa in griglia di partenza dove gli sono state regalate le chiavi di Phillip Island.

Rea, che è nato nell'Irlanda del Nord, è sposato con Tatia Weston che è di Phillip Island, e trascorre le vacanze sull'isola con i figli ogni estate. Era intento a mostrare ai suoi compagni di allenamento il modo più veloce per affrontare il circuito di 4,45 km quando è stato fermato sul rettilineo da Pamela Rothfield, dall'amministratore delegato del circuito Fergus Cameron, e da un gruppo di bambini delle scuole locali di Cowes.

Il contingente di Phillip Island aveva deciso di rendere più ufficiale l''associazione di Jonathan con l'isola. Dopo essersi congratulati con il pilota Kawasaki per il suo secondo titolo del mondo, il sindaco Rothfield gli ha conferito le chiavi di Phillip Island e lo ha invitato ad accettare di essere "cittadino onorario" della pittoresca isola.

Circondato dalla sua famiglia orgogliosa, dalla moglie Tatia e dai figli Jake e Tyler, i suoi compagni di bicicletta e un gruppo di ragazzi della scuola Cowes, Jonathan Rea non ha potuto fare a meno di dire di sì.

I ragazzi poi lo hanno trascinato sul loro scuolabus e lo hanno portato alla pista di karting di Phillip Island dove avevano un regalo di svelare: il  Go Kart Jonathan Rea, con la livrea verde Kawasaki, completo di numero di gara 1 e con il suo nome sulla parte anteriore.