Maxime Berger versa in gravi condizioni all'ospedale francese di Dijon. A darne notizia è la sua manager, Cris Favero, che si è trovata anche a dover smentire alcuni articoli che addirittura annunciavano la morte del pilota.

"Purtroppo non ci sono miglioratenti sulle condizioni di salute di Maxime Berger, ricoverato da giovedì sera presso l'ospedale di Dijon, in Francia", annuncia questo pomeriggio Cris Favero. "L'ultimo bollettino medico diramato dallo staff del reparto di rianimazione evidenzia un gravissimo danno celebrale. Nella giornata di domani, Maxime sarà sottoposto ad una risonanza magnetica che potrà fornirci importanti informazioni su eventuali sviluppi clinici. Ringrazio calorosamente tutti gli amici per l'affetto dimostrato", conclude Cris Favero.

Ufficialmente è stato mantenuto il riserbo sul motivo per il quale il pilota francese che ha conquistato il titolo europeo Superstock 600 nel 2007 si trovi in condizioni così gravi.

PARLA IL PAPA' - A questo proposito, ci sembra attendibile quanto riportato da Paddock-gp.com, che riporta un messaggio del papà di Maxime, Alain Berger.

"A seguito di un ricovero prescritto da un medico poco scrupoloso, Maxime è stato trasferito contro la sua volontà alla Chartreuse de Dijon (ospedale neuropsichiatrico, ndr). Ne è seguito un accanimento terapeutico inappropriato, seguito da errori medici. Maxime Berger ha fatto di tutto per uscire da questa situazione e si è trovato in coma profondo il 30 agosto. Da allora il servizio di traumatologia neurologica di Dijon sta cercando di riparare ai suoi errori. Preciso che Maxime non aveva alcuna tendenza suicida prima di entrare forzatamente in questa struttura", conclude la nota firmata da Alain Berger.

La redazione di Motosprint sostiene Maxime nella gara più importante della sua vita.