Jonathan Rea ha messo a segno la vittoria anche in gara2 sul circuito californiano e con la sua quarta affermazione è il pilota più vincente a Laguna Seca nella storia del Mondiale Superbike. Nel round statunitense il nordirlandese si è rivelato nuovamente imprendibile: partito dalla terza fila per via del nuovo regolamento che inverte le posizioni rispetto all’ordine di arrivo di gara1, Rea è andato al comando dopo otto tornate. Chaz Davies ha riportato la sua Ducati sul secondo gradino del podio davanti a Eugene Laverty con la Milwaukee Aprilia.

La gara - Già alla fine del primo giro Rea è riuscito a rimontare dalla nona alla quinta posizione. Qualche curva dopo è arrivato alle spalle di Laverty, che conduceva la gara. Il campione in carica non ha atteso molto prima di sferrare l’attacco, costringendo il pilota Aprilia a restare in seconda posizione. La storia si è ripetuta: con pista libera davanti a sé, il pilota del Kawasaki Racing Team ha mostrato il suo passo imbattibile, dominando due terzi di gara, come nella prima manche di sabato.

Davies ha provato a tenere il passo di Rea. Il è stato autore di una grande rimonta sulla sua Ducati ufficiale, passando Laverty ad otto giri dal termine. Ma non è riuscito a colmare il gap dal diretto rivale in campionato, dovendosi accontentare della seconda posizione, a cinque secondi dal vincitore.

Come in Gara 1, anche nella seconda manche si è vista una bella lotta per l’ultimo gradino del podio. Laverty, ormai terzo, è diventato preda dei due piloti del team Yamaha: Michael van der Mark e Alex Lowes che, nonostante fosse più stabile e veloce, non riusciva a trovare il sorpasso. La bagarre tra i compagni di squadra ha aiutato Laverty, che è riuscito a conquistare il primo podio in questa stagione.

La top ten - La quarta posizione è stata conquistata dal britannico della Yamaha, autore di un sorpasso deciso al Cavatappi. Van der Mark si è dovuto arrendere al compagno di box,. Non una gara entusiasmante per l’olandese, secondo alla prima curva ma solo quinto al traguardo. Ora i due compagni di squadra sono separati in classifica da 32 punti.

Più soddisfatto invece Xavi Fores: il portacolori del Barni racing Team ha replicato la sesta posizione di Gara 1, a dimostrazione del fatto che sta ritornando alla forma di inizio stagione, dopo due round sotto le aspettative. Alle spalle dello spagnolo il connazionale Jordi Torres sulla MV Agusta Reparto Corse, settimo, che precede Tom Sykes: il britannico della Kawasaki si piazza soltanto all’ottavo posto, dopo aver vinto tre volte a Laguna Seca.

Jake Gagn  sulla Honda ottiene il suo miglior risultato nel mondiale Superbike, chiudendo Gara 2 in nona posizione davanti alla BMW Althea di Loris Baz.

Domenica da cancellare per Marco Melandri: il pilota Ducati è caduto nelle fasi iniziali quando era in terza posizione e rimane a secco di punti per la terza volta nelle ultime sette gare. Una caduta ha messo fuori scena anche Lorenzo Savadori sulla Milwaukee Aprilia, a conferma di un weekend negativo, con due cadute anche il sabato.

Qui i risultati di gara2.