Nuove livree – ma senza grandi stravolgimenti – per il team ufficiale Yamaha, che alla vigilia dei test di Jerez si è presentato con la sua compagine per il 2020: a dividere il box con Michael van der Mark c’è il suo nuovo compagno di squadra Toprak Razgatlioglu, al terzo anno nella classe regina, e che sta prendendo velocemente confidenza con la moto di Iwata.

Gli ufficiali

In sella alla nuova YZF R1 Van der Mark punta essere uno dei pretendenti al titolo in questo 2020. L’olandese finora ha conquistato tre vittorie in Superbike ma sa cosa serve per vincere un titolo mondiale, che ha già conquistato quando militava nel mondiale Supersport. Ora il suo obiettivo è quello di migliorare la costanza di rendimento e arrivare tra i primi tre della classifica generale. 

Toprak Razgatlioglu, da parte sua, ha costituito una vera sorpresa quando è arrivato a podio, nel 2018, in gara 2 Donington Park, tra l’altro proprio alle spalle di Michael van der Mark, che in quell’occasione ha vinto la sua prima gara nel WorldSBK. L’anno scorso Razgatlioglu ha conquistato la sua prima vittoria, vincendo il duello all’ultimo giro con Jonathan Rea in occasione di Gara 1 a Magny-Cours. Una gara storica, anche perché è stata la numero 800 del mondiale Superbike.

“Il 2020 segna la quinta stagione dal ritorno della Yamaha alla mondiale Superbike nel 2016 con la YZF-R1 e siamo entusiasti di vedere il prossimo passo nella nostra evoluzione” ha detto Andrea Dosoli, team manager Yamaha. “Il team ufficiale, che lavora in stretta collaborazione con Crescent Racing, è migliorato ogni anno sia in termini di potenziale che di risultato, assicurando il terzo e il quarto posto assoluto nel campionato 2019. Come Yamaha, abbiamo continuato a incrementare le nostre capacità di sviluppo, il team ha migliorato il suo livello e ora abbiamo anche la nuova YZF-R1 2020 per puntare alle vittorie.

"Inoltre, il team ufficiale Yamaha ha una delle formazioni di piloti più entusiasmanti con Toprak Razgatl?o?lu che si unisce a Michael van der Mark per creare un team di talento, giovane e aggressivo che speriamo ci permetterà di puntare al titolo mondiale, il nostro obiettivo finale”, conclude Dosoli.

Gli indipendenti

Yamaha ha anche presentato anche le livree delle sue squadre indipendenti: il GRT Yamaha WorldSBK Junior Team e il Ten Kate Racing Yamaha che nel 2020 avranno pressappoco gli stessi colori del 2019.

Lo scorso anno entrambe le formazioni si sono piazzate in più occasioni nella top4 e il team GRT è salito sul podio all’esordio grazie al risultato ottenuto da Marco Melandri. Bravo anche Sandro Cortese, che si era piazzato più volte in cima alla classifica dei giri veloci. 

Nel 2020 nel team GRT occhi puntati sul vicecampione del mondiale Supersport Federico Caricasulo che sarà affiancato da Garrett Gerloff, che ha già vinto nella MotoAmerica Superbike.

In casa Ten Kate, confermato Loris Baz, che ha soltanto 26 anni ma può essere considerato un ‘veterano’. Il transalpino ha ottenuto diversi piazzamenti in top ten e si è classificato decimo anche nel mondiale nonostante sia stato assente nei primi 5 appuntamenti del 2019.  Più volte nell’ultima parte della scorsa stagione si è trovato in lotta per un posto sul podio e questo sarà il suo obiettivo quest’anno.

Pata e Yamaha, il 2020 inizia puntando in alto