Se il buongiorno si vede dalla Superpole. Lotta sul filo dei millesimi in SBK dove la prima fila si presenta al via di Gara 1 racchiusa in appena 40 millesimi. Scott Redding porta davanti a tutti la sua Panigale V4R, piazzando la zamapata nei secondi finali. Con il crono di 1'38.736 il pilota Aruba tiene a bada un Jonathan Rea (+0.034) , sfortunato nel suo ultimo tentativo (era in vantaggio su Redding nei primi due split ma ha trovato traffico all'ultimo) ed un redidivivo Tom Sykes (+0.040) che seppur di poco aveva portato la BMW a guidare la classifica quando mancavano un paio di minuti allo scadere della sessione.

Yamaha in scia


In seconda fila, più staccate dai primi tre, troviamo le Yamaha R1: quella di Michael VD Mark (+0.262) che precede un pimpante Toprak Razgatlioglu (+0.472), in pole virtuale per lunghi tratti ma non pronto sul finale, e Loris Baz (+0.478). 

Chaz Davies porta la seconda Ducati Aruba in settima posizione, mentre più indietro troviamo le Honda di Alvaro Bautista e Leon Haslam. Dopo la bella prestazione del venerdì cala Michael Ruben Rinaldi che no va oltre il 10°tempo. 13à tempo per federico cairicasulo, a lungo tra i primi 10, mentre in fondo allo schieramento, con il 19esimo tempo, partirà Marco Melandri in difficoltà per la lunga inattività e staccato dalla top ten.

Da segnalare la caduta di Alex Lowes, finito in terra all'ultima curva prima del traguardo quando erano trascorsi appena 5 minuti dall'inizio della sessione.

A SEGUIRE I TEMPI DELLA SUPERPOLE CLASSE SBK