Il volto sorridente è l'emblema di una gara che forse nemmeno il buon "Macio" si attendeva. Partito arretrato, dopo qualifiche un po' stentate, Marco Melandri ha preso in mano i manubri della sua Panigale V4R e giro dopo giro ha iniziato la sua rimonta. Testa bassa, naso nel cupolino, il ravennate ne ha superati 11 prima di terminare la sua gara, quella del ritorno, dopo un ritiro annunciato ma mai davvero digerito, in ottava posizione. 

"In gara ho fatto un errore, ma sono rimasto calmo e fatto il mio passo"


Una gara partita bene, nonostante un errore: "E' stata un'ottima Gara 1 - le parole di Melandri - purtroppo le qualifiche non sono andate bene, non riuscivo a guidare. Poi in gara, dopo aver fatto una bella partenza, sono arrivato un po' lungo in frenata bloccando il posteriore. Mi hanno superato in molti, ma non mi sono perso d'animo: ho cercato di stare calmo e prendere un buon passo. La moto funzionava bene, con il feeling che migliorava giro dopo giro". 

"Il podio? Chissà..."


Per domani l'obiettivo è presto detto, con in più una speranza: "Serve una buona partenza perchè come passo non sono lontano dal gruppo davanti a me. Sicuramente il podio al momento è inavvicinabile, però partendo bene chissà... tutto è possibile".

SBK Jerez, Gara 1: vittoria di Redding, chapeaux per Melandri