Nella infuocata Jerez il cielo si colora di "rosso Ducati". Gara 2 porta le due Panigale V4R Aruba.it sui primi due gradini del podio con Scott Redding che precede il compagno Chaz Davies al termine di una gara dominata fin dai primi passaggi.

"Un weekend meraviglioso - le parole di Scott a fine gara - Mi sono sentito molto fiducioso con la moto e sapevo di poter gestire bene la gomma. Davvero bello un weekend così, due vittorie una pole position... il team mi ha dato una grande moto".

"Sono partito bene, abbastanza avanti - dice Chaz Davies - e ho guidato pulito per tuttta la gara. Scott era davvero tanto veloce e non sono riuscito a stare con lui. Ma comunque sono contento per il risultato".

Domenica che vede protagonista anche un'altra Ducati, quella del team Go Eleven e di Michael Ruben Rinaldi arrivato quarto dopo una bella condotta che lo ha visto costantemente tra i più veloci in pista, oltre che protagonista di un bel duello con "sua Maestà" Jonathan Rea e che è riuscito a piegare al termine di un "botta e risposta" a suon di sorpassi. 

Terzo chiude Toprak Razgatlioglu che porta la Yamaha ancora sul podio seppur staccata dal duo Aruba. In difficoltà Jonathan Rea che, dopo essere partito bene al via, nulla ha potuto contro un calo di gomme che lo ha visto perdere posizioni fino a concludere in sesta posizione al traguardo.

"Ottimo risultato il podio oggi - dichiara Toprak in parco chiuso - abbiamo provato un diverso set-up alla moto rispetto a ieri ma non siamo andati come speravamo. Siamo comunque contenti. Ci rifaremo a Portimao".

La classifica di Campionato vede ora Sott Redding allungare con 98 punti sui 74 di Rea. Alex Lowes è terzo (72), Razgatlioglu quarto a quota 66.

La gara


Allo spegnersi del semaforo scatta bene Rea dalla pole, arrivando alla prima curva davanti a Scott redding, Michael VD Mark e Chaz Davies. Alle loro spalle risale furibondo dalla retrovie Toprak Raztgatlioglu che azzecca una gran partenza e si porta a ridosso dei primi.

Poche curve e Redding supera di gran carriera Rea e, da quel momento in poi, impone subito un ritmo tiratissimo per scrollarsi di dosso l'avversario. La cosa gli riesce e dopo 4 giri ha accumulato già due secondi di vantaggio sulla Kawasaki numero 1. Scala la classifica di gara anche Chaz Davies che prima supera un coriaceo Lori Baz e poi, superato anche Rea si posiziona in seconda piazza dove rimarrà fio al traguardo.

Chiusa vitualmente la lotta per le prime due posizioni dopo pochi giri, a tener vita la gara sono stati i sorpassi di Razgatlioglu (doppio soprasso per lui su Davies e Baz nei primi giri) e la bella prestazione di Rinaldi. Il pilota Go Eleven è risalito dalla dodicesima casella in griglia arrivando a battagliare per le posizioni di vertice. Un quarto posto finale per lui, impreziosito da una bella lotta con Rea durata cinque curve e che ha visto Michael avere la meglio. Quarto posto e applausi. Alle sue spalle ha concluso Alex Lowes, che riscatta parzialmente un weekend in chiaro scuro e - quindi - Jonathan Rea, in difficoltà con il setting della sua Kawasaki Ninja.

Settimo posto per VD Mark, che perde terreno dopo una buona partenza dallaprima fila, ed a seguire troviamo Alvaro Bautista, ancora lontano dalle prestazioni dello scorso anno con la Ducati, ed un bravo Marco Melandri che, dopo l'ottavo posto di Gara 1, oggi conclude nono mettendo il sigillo ad un buon ritorno in gara per lui. Garlet Gerloff chiude la top ten.

Per quel che riguarda gli italiani abbiamo Federico Caricasulo 16esimo e Lorenzo Gabellini 19esimo. Da segnalare la caduta di Loris Baz al sesto giro.

L'ordine di arrivo di Gara 2 SBK a Jerez