Bilancio tutto sommato positivo quello di Marco Melandri a Jerez. Nel weekend andaluso il ravennate, che rientrava in gara dopo aver annunciato il ritiro lo scorso anno, ha concluso Gara 1 e Gara 2 in top ten, con un ottavo ed un nono posto partendo dalla 19esima posizione in griglia. Solo la Superpole Race ha rovinato in parte il ritorno di Marco alle competizioni tra le derivate. 

Superpole race


"Le gare sono andate bene e stamattina ci credevo alla possibilità di poter finire nei primi 9 anche in Superpole Race - racconta Marco - questo è stato un weekend di prove e quindi abbiamo tentato una cosa un po' diversa sulla moto. Purtroppo non ha funzionato. A questo aggiungi che mi ha punto anche una vespa al petto a metà gara e lì mi sono..."spiaggiato" (ride,ndr).

Gara 2


"Oggi pomeriggio in gara speravo di riuscire a partire meglio ma ho trovato del filler all'esterno della pista e ho fatto fatica. Comunque non ero partito male, solo che ho avuto difficoltà poi nei sorpassi e tenere la linea sui curvoni veloci, ma sappiamo il perché. Tutto sommato sono contento perché - spiega Macio - nonostante abbia fatto fatica, vedo che non sono così lontano da metà gruppo. Ho fatto gara con Bautista, Rea è arrivato 6 secondi davanti a me... Considerando che due settimane fa ero in bici, direi che non posso lamentarmi".

SBK Jerez, Redding: “Il mio obiettivo è il titolo, nient'altro”