Oggi all’Estoril primo giorno di test per Michael Ruben Rinaldi sulla Ducati ufficiale. Il 24enne di Rimini, vincitore del titolo fra gli Indipendenti, ha preso subito le misure alla moto, nonostante il tempo poco favorevole.  

Feeling immediato


“La pioggia ha rovinato il nostro primo giorno di scuola, ma i 24 giri che ho potuto fare sono stati grandiosi”, ha detto Rinaldi. “Mi sono subito trovato bene con la moto, avremmo dovuto provare un mucchio di cose, ma non abbiamo potuto farlo”, continua, alludendo alle condizioni meteo.

“Però sono felice di aver fatto i primi giri con la moto: il feeling è stato subito buono, ho girato più veloce rispetto al weekend, quindi sono molto fiducioso per il 2021”, aggiunge.

Alla domanda di quali siano la maggiori differenze con la moto satellite, Rinaldi ha risposto senza esitazioni. “La differenza che ho sentito immediatamente è la stabilità all’entrata di curva, posso essere più veloce e frenare più tardi, e poi anche il motore è leggermente più performante”, ha spiegato.

Italiani alla riscossa: Rinaldi e Locatelli, la Superbike è vostra

Una spinta in più


Rinaldi ora affronterà la lunga pausa invernale con il sorriso.

“Ho intenzione di prepararmi al meglio per la prossima stagione, mi allenerò il più possibile per arrivare nel migliore stato di forma nel 2021”, annuncia.

“Dopo un appassionante percorso in Ducati, approdare nel team ufficiale è per me un onore, oltre che la conferma della qualità del lavoro svolto in questi anni”, aggiunge Rinaldi sul suo profilo social.

“Il mio primo obiettivo sarà quello di ripagare la fiducia che mi è stata concessa e potrò farlo soltanto attraverso i risultati che riuscirò ad ottenere. Per un pilota italiano, correre con la Ducati è una sensazione straordinaria e sono certo che la passione del popolo ducatista mi darà una spinta in più”, conclude Rinaldi.