Il binomio BMW – Michael Van Der Mark è uno dei più attesi della stagione 2021, anche grazie alla nuova M 1000 RR, che proprio l’olandese ha portato a battesimo sabato, in un primo shakedown sulla pista francese di Miramas. Un piccolo test utile sia al numero 60, per iniziare a prendere confidenza con la sua nuova compagna che al team, desideroso di conoscere le impressioni e le idee del neo arrivato di lusso. Van Der Mark era già sceso in pista con il suo nuovo team nella giornata di test successiva all’ultimo round della scorsa stagione ad Estoril, avendo però a disposizione una versione aggiornata della moto 2020.

Van Der Mark: "Test molto utile, non vedo l'ora di salire nuovamente in sella"

“E’ stato molto utile poter svolgere un primo piccolo test con la nuova moto – racconta VDM – dato che io ed il team abbiamo potuto iniziare a lavorare insieme e conoscerci. Abbiamo provato alcune cose, sulle quali spesso non ci si sofferma durante un normale test, quindi sono soddisfatto. Guidare nuovamente prima della fine dell’anno mi ha fatto molto piacere: non vedo l’ora di svolgere il prossimo test”.

Completamente d’accordo sull’utilità del test (o shakedown che dir si voglia) anche Marc Bongers, ossia l’uomo sul ponte di comando del progetto BMW Motorsport.

“Piccoli test come questi sono molto importanti quando si ha un nuovo pilota. Michael ha potuto dare alla squadra le sue prime direttive, per cucirsi addosso al meglio la moto: ad esempio in termini di ergonomia, posizione del manubrio e preferenze legate all’elettronica. Grazie a queste informazioni abbiamo ora una chiara direzione da intraprendere, per arrivare pronti al primo vero test del 2021”.

Un primo vero test che presumibilmente andrà in scena il 20 e 21 gennaio a Jerez, e vedrà la partecipazione di gran parte della griglia 2021 del mondiale delle derivate di serie.

Puccetti: “La Supersport un monomarca Yamaha? Macché!”