Bello il disegno di copertina, perché raffigura la squadra più vincente degli ultimi sei anni e ricorda qualcosa di già visto. Il team Provec KRT con Johnny Rea al centro, seduto sulla sua Ninja ZX-10RR, fa venire in mente la sitcom americana Beavis and Butt-head, cartoneanimato che ha spopolato negli USA e pure nel Vecchio Continente.

Guardate bene il ritratto. Da Pere Riba a Fabien Foret, sino a Kevin Havenhand: il nordirlandese e relativa crew, lanciano un messaggio positivo e di unione. Proprio queste caratteristiche, oltre al lavoro compiuto dalla Casa di Akashi, hanno consentito al numero 1 di rimanere tale sino al 2021 che sta per iniziare.

Contrariamente a Beavis e Butt-head, Provec è una compagine che infonde immenso impegno in tutte le giornate della settimana. Per vincere in SBK si deve evitare di rimanere seduti sul divano a perdere tempo e, chi ha avuto modo di seguire la serie animata da Mike Judge, sa a cosa ci riferiamo.

Obiettivo Settebello, per un 100 ed oltre


Moto nuova, stessi traguardi da raggiungere. Johnny e KRT partiranno all'assalto del titolo 2021 da Jerez, per una due giorni di test prevista dal 20 al 21 gennaio. I dati accumulati dapprima sempre all'Angel Nieto e poi al Motorland di Aragòn sono stati utili a squadra e azienda per sviluppare la Ninja di quest'anno.

Ovviamente e giustamente, Rea vuole mantenere il numero 1 sul cupolino, per più tempo possibile. Per riuscirci, sfonderà il muro dei 100 successi di tappa, essendo lui "fermo" a 99. Chiunque dovrà fare i conti con il Cannibale. Poi, Alex Lowes, al suo secondo anno in seno al team Kawasaki. L'inglese si gioca una buona fetta di carriera, perciò, anche lui attaccherà gli avversari.

Come è cambiato il pubblico della SBK in questi anni